Covid ultime 24h
casi +16.079
deceduti +136
tamponi +170.392
terapie intensive +66

Uccide il padre a martellate, poi si lancia dal balcone

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 21 Apr. 2019 alle 15:10
0
Immagine di copertina
Figlio uccide il padre a martellate a Genova

Un uomo di 56 anni ha ucciso il padre di 91. Il drammatico episodio è avvenuto nella notte tra il 20 e il 21 aprile, nel quartiere di Molassana, a Genova. Il 56enne, dipendente di una ditta di vernici, nella notte ha ucciso a martellate il padre.

Dopo aver compiuto l’omicidio, l’uomo ha tentato il suicidio lanciandosi dal balcone del terzo piano in cui l’anziano viveva, in via D’Aquisto. Il 91enne è stato trasportato d’urgenza in ospedale, ma è morto poco dopo.

Il figlio 56enne è stato ricoverato per le fratture alle gambe dovute dell’impatto a terra dal terzo piano dell’appartamento da cui si è lanciato. A sostenere che il 56enne abbia usato un martello per aggredire e uccidere il padre sarebbero stati gli investigatori della squadra mobile di Genova.

Secondo alcune testimonianze, sembra che il rapporto tra padre e figlio negli ultimi mesi si sarebbe deteriorato. I vicini di casa hanno riferito che i due litigavano continuamente. La salute del padre anziano non era delle migliori e a questo si sommava la tensione del lavoro difficile del 56enne.

L’omicidio si sarebbe consumato attorno alle tre e mezza di notte. Il 56enne, forse arrivato allo stremo della sopportazione, si sarebbe introdotto nella camera da letto dell’anziano, colpendolo più e più volte con un martello.

Subito dopo, l’uomo resosi conto di quanto aveva appena fatto, ha aperto la finestra del terzo piano e si è lanciato. A chiamare i soccorsi è stato un passante, che ha notato il corpo del 56enne a terra. Subito è arrivata sul posto un’ambulanza che ha portato padre e figlio in ospedale.

Il 56enne è ricoverato al San Martino, piantonato dagli uomini della polizia. L’accusa nei suoi confronti è quella di omicidio volontario.

Cassino, bambino di 2 anni strangolato dalla madre: fermato anche il padre

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.