Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Appalti, indagati il presidente della Calabria Oliverio e il sindaco di Cosenza

Immagine di copertina

Il 7 maggio è giunta la notizia che 20 persone, tra cui figurano anche importanti esponenti politici della Calabria, sono indagate nell’ambito di un’inchiesta portata avanti dalla Procura di Catanzaro.

Le indagini riguardano la gestione di appalti pubblici nella regione e in particolare alcuni investimenti nella città di Cosenza legati alla costruzione del nuovo ospedale, della metropolitana di superficie e del museo di Alarico.

Tra gli indagati di spicco ci sono il presidente della Regione, Mario Oliverio, il sindaco di Cosenza, Roberto Occhiuto, Nicola Adamo, ex consigliere regionale e vicepresidente della Giunta, entrambi del Pd, e Luca Morrone, figlio del consigliere regionale Ennio Morrone.

Il 7 maggio la Guardia di finanza e dai carabinieri ha consegnato gli avvisi di garanzia.

L’inchiesta, che è stata denominata dalla procura Lande desolate, vede Oliverio e Adamo indagati per corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, aggravata dalla finalità di stipula di contratti e corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio.

Il lavoro di indagine si è concentrato su presunti illeciti in tre appalti: l’impianto di risalita di Lorica, nella Sila cosentina, l’aviosuperficie di Scalea (Cosenza), e la realizzazione di piazza Bilotti a Cosenza.

In riferimento a piazza Bilotti, dalle indagine è emerso che a maggio 2016 Oliverio, insieme ad Adamo, al direttore dei lavori Francesco Tucci, e all’imprenditore Giorgio Ottavio Barbieri avrebbero stretto, secondo l’accusa, un “accordo illecito” per rallentare i lavori.

*In una precedente versione l’articolo riportava erroneamente la notizia dell’iscrizione al registro degli indagati Enza Bruno Bossio. L’onorevole invece non risulta indagata.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Cronaca / Milano, un altro stupro di gruppo: la vittima è una studentessa di 20 anni
Cronaca / Angelo Zen, l’italiano disperso in Turchia dopo il terremoto: “Nessun contatto con lui da domenica”
Cronaca / Stresa, padre non accetta la relazione della figlia, la sequestra in casa e la lascia senza cibo: arrestato
Cronaca / Si finge cartomante su TikTok, chiede video hot a una cliente e poi la minaccia per soldi: denunciato
Cronaca / Tokyo, è morto il giornalista Pio d’Emilia, storico corrispondente dall’Asia
Cronaca / Caso Delmastro-Donzelli, la procura indaga contro ignoti per rivelazioni e utilizzo di segreto d’ufficio
Cronaca / Ischia, prende il traghetto per andare in ospedale a partorire ma la bimba nasce nel mezzo della traversata