Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Adesso Zaia e gli altri governatori leghisti invocano il lockdown nazionale. Ma Conte frena

Immagine di copertina

Zaia e gli altri governatori leghisti invocano il lockdown nazionale. Conte frena

Continua il confronto sulle nuove misure anti Covid che dovrebbero regolare riunioni familiari, aperture e spostamenti nel periodo natalizio: al braccio di ferro tra i rigoristi che chiedono la zona rossa almeno nei festivi – i ministri Speranza, Boccia e Franceschini – e Conte, che si accontenterebbe di istituire la zona arancione in tutta Italia perché “le misure stanno funzionando”, si sono uniti adesso i governatori. Sono soprattutto i leghisti a invocare una zona rossa nazionale, e subito. Primo tra tutti il presidente Luca Zaia, perché in Veneto i numeri fanno rabbrividire: ieri sono stati registrati 3.320 nuovi contagi e il totale di decessi da inizio pandemia sta per raggiungere quota 5mila.

I governatori leghisti invocano lockdown nazionale subito

Stamattina si è tenuto il confronto tra Regioni ed esecutivo, e all’appello sulla linea rigorista del governatore veneto, quella del lockdown nazionale immediato, si sono uniti gli altri presidenti regionali in quota Lega, Massimiliano Fredriga e Maurizio Fregatti (presidente del Trentino Alto Adige). Con loro anche il governatore del Molise di Forza Italia Donato Toma (Fi) e Nicola Zingaretti, d’accordo con l’idea di far rientrare “al più presto” l’Italia in zona rossa. Proprio il governatore della Regione Lazio ha condiviso sulla sua pagina Facebook le parole del ministro Franceschini.

I ministri: “Restrizioni almeno nei giorni di Natale”

“È tempo di scelte rigorose di governo e parlamento, solo regole più restrittive durante le festività potranno evitare una terza ondata di contagi. Per noi che abbiamo responsabilità istituzionali è un dovere intervenire oggi senza esitazioni per salvare vite umane domani”, ha scritto il ministro per i Beni Culturali. Le regole a cui si riferisce Franceschini potrebbero essere le seguenti: zona rossa nei giorni festivi, con negozi chiusi e divieto di assembramento, e misure da zona arancione con gli esercizi commerciali aperti in quelli prefestivi. D’accordo con questo “compromesso” tra zona rossa e arancione anche i ministri Speranza e il M5S.

I dubbi di Conte

Eppure il premier non è convinto che sia necessario istituire una zona rossa nemmeno nei giorni festivi: secondo Conte sarebbe meglio limitarsi alle regole della zona arancione. Intanto però lasciare aperte le vie dello shopping il prossimo weekend potrebbe rivelarsi drammatico per gli assembramenti. Per questo secondo Zaia è necessaria una chiusura immediata. Più flessibili Attilio Fontana e Alberto Cirio, che si sono detti disponibili a una stretta, ma senza l’intransigenza che pretendono i leghisti.

Quando potremo conoscere le nuove misure? L’agenda di oggi

A ora di pranzo è in agenda la riunione dei capi delegazione di maggioranza con il premier, mentre è previsto per questo pomeriggio il voto in Senato sulle modifiche al decreto che vieta gli spostamenti tra comuni nei giorni di Natale e Capodanno. Per la maggioranza potrebbe essere questa l’occasione di presentare la mozione che richiede all’esecutivo di imporre le nuove restrizioni, abrogando con un nuovo decreto il Dpcm approvato il 3 dicembre.

Leggi anche: 1. Italia zona rossa a Natale? Il Cts si spacca. Oggi il vertice decisivo / 2. Conte: “A Natale serve una stretta. Ma l’Italia non può reggere un nuovo lockdown”/ 3. Quali sono le Regioni dove il Covid uccide di più in Italia/ 4. Dopo la Germania anche l’Olanda in lockdown a Natale. Londra torna “zona rossa”

4. Covid, il prof. Remuzzi: “Se il 95% dei cittadini seguisse alla lettera le regole, il virus farebbe molta fatica a circolare” 5. Covid, Burioni sul vaccino Moderna: “Blocca anche la trasmissione, così il virus è finito”
TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “In Italia in molti ospedali il 100% dei ginecologi non pratica l’aborto”: la denuncia dell’Associazione Coscioni
Cronaca / Due euro per un decaffeinato: titolare del bar riceve una multa di mille euro
Cronaca / Papa Francesco scherza sulle sue condizioni fisiche: “Sai cosa mi serve per la mia gamba? Un po’ di tequila” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “In Italia in molti ospedali il 100% dei ginecologi non pratica l’aborto”: la denuncia dell’Associazione Coscioni
Cronaca / Due euro per un decaffeinato: titolare del bar riceve una multa di mille euro
Cronaca / Papa Francesco scherza sulle sue condizioni fisiche: “Sai cosa mi serve per la mia gamba? Un po’ di tequila” | VIDEO
Cronaca / Posillipo, colpisce un bagnante con il casco e tenta di annegarlo
Cronaca / Covid, oggi 13.668 casi e 102 morti: tasso di positività al 13%
Cronaca / Roma, incendio in una fabbrica di vernici a Monterotondo, pericolo intossicazione: “Tenete finestre chiuse”
Cronaca / Quarte dosi di vaccino, la campagna non decolla: il governo si è scordato della pandemia?
Cronaca / Partorì la figlia mentre era in coma, dopo 2 anni la abbraccia per la prima volta
Cronaca / Morta dopo il vaccino, per lo Stato la sua vita vale 77mila euro
Cronaca / Pistoia, trova la fidanzata in casa con un altro e la accoltella