Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Napoli, scontri tra genitori sulla riapertura delle scuole: insulti e ombrellate | VIDEO

 

La ripresa della scuola divide l’Italia. Dopo le feste e con la curva dei contagi che ancora non scende, il nuovo inizio per gli studenti fa discutere: tanto che davanti a Palazzo Santa Lucia, a Napoli, oggi – giovedì 7 gennaio – c’è stata una vera e propria rissa. Una mamma pro apertura delle scuole ha picchiato e preso a ombrellate un padre pro didattica a distanza (Dad) 

In un video di circa 10 minuti si sentono insulti e la situazione si scalda fino a diventare violenta. Per i ragazzi questa situazione è molto dura perché sono costretti ad un’educazione diversa e più complicata da seguire. Ma anche per i genitori lo stress è alle stelle.

Scuola, le ultime notizie sulla riapertura

La ripresa delle lezioni in presenza per gli alunni delle scuole superiori, il cui inizio era previsto per oggi, è slittata all’11 gennaio. Gli istituti riapriranno per il 50 per cento degli studenti e sempre che la situazione epidemiologica lo permetta. Le scuole elementari e medie riapriranno invece regolarmente giovedì 7 gennaio. È questo il compromesso raggiunto dal Consiglio dei Ministri che si è tenuto nella notte, durante il quale si è consumato un duro scontro tra i componenti del governo.

Lo schieramento che fa capo alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, spalleggiata dalle ministre di Italia Viva Elena Bonetti e Teresa Bellanova, che spingeva per la riapertura il 7, si è scontrato con l’ala del Pd capeggiata dal ministro Dario Franceschini, che voleva una riapertura non prima del 15 gennaio. Dal canto loro, alcune Regioni – come Veneto, Friuli e Marche – avevano già iniziato a posticipare le aperture.

Il governo alla fine ha optato per la data dell’11 gennaio: sarà quindi in quel giorno che le scuole superiori riapriranno, con una didattica in presenza al 50 per cento. A favorire il compromesso  sono stati i ministri Francesco Boccia e Roberto Speranza. Ma è tutt’altro che scontato che i governatori delle Regioni accetteranno questa nuova data.

La riapertura delle scuole superiori, in ogni caso, è subordinata all’esito del monitoraggio sull’indice Rt e le fasce di rischio, previsto per venerdì 8. Nelle regioni che dovessero diventare zona rossa, le scuole superiori resteranno chiuse anche dall’11 gennaio in poi, e si procederà esclusivamente con la didattica a distanza.

Leggi anche: 1. Disuguaglianze: ricorderemo il 2020 come uno degli anni peggiori; // 2. Vaccini, Lombardia in ritardo. Gallera: “Non faccio rientrare i medici dalle ferie per le vaccinazioni” // 3. Vaccino, l’elenco completo dei centri di somministrazione in Italia “è ancora in divenire”. Il documento di Arcuri;

4. Festa di Capodanno nel resort di lusso sul Lago di Garda: multate 126 persone. Locale chiuso // 5. Le regole in vigore dal 7 gennaio 2021: scuole, palestre, bar e ristoranti; // 6. La variante inglese è più diffusa tra i bambini: riaprire le scuole significherebbe favorire il virus (di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Cronaca / Gratteri a La7: “Minacce di morte? Ho paura ma cerco di addomesticarla. Se mi fermo, mi sento un vigliacco”
Cronaca / Ilaria Capua: “Mi fermo per un anno. Il Covid ha cambiato le priorità di tutti noi, anche personali”
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
Cronaca / Roma, venditore di rose dà fuoco ai capelli di una ragazza: “Era deluso dalle poche vendite”
Cronaca / La giocatrice di basket difende il suo allenatore: “Non c’è stato nessuno schiaffo, avevo sbagliato un tiro”