Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Napoli, scontri tra genitori sulla riapertura delle scuole: insulti e ombrellate | VIDEO

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 7 Gen. 2021 alle 17:32 Aggiornato il 7 Gen. 2021 alle 18:33
26

La ripresa della scuola divide l’Italia. Dopo le feste e con la curva dei contagi che ancora non scende, il nuovo inizio per gli studenti fa discutere: tanto che davanti a Palazzo Santa Lucia, a Napoli, oggi – giovedì 7 gennaio – c’è stata una vera e propria rissa. Una mamma pro apertura delle scuole ha picchiato e preso a ombrellate un padre pro didattica a distanza (Dad) 

In un video di circa 10 minuti si sentono insulti e la situazione si scalda fino a diventare violenta. Per i ragazzi questa situazione è molto dura perché sono costretti ad un’educazione diversa e più complicata da seguire. Ma anche per i genitori lo stress è alle stelle.

Scuola, le ultime notizie sulla riapertura

La ripresa delle lezioni in presenza per gli alunni delle scuole superiori, il cui inizio era previsto per oggi, è slittata all’11 gennaio. Gli istituti riapriranno per il 50 per cento degli studenti e sempre che la situazione epidemiologica lo permetta. Le scuole elementari e medie riapriranno invece regolarmente giovedì 7 gennaio. È questo il compromesso raggiunto dal Consiglio dei Ministri che si è tenuto nella notte, durante il quale si è consumato un duro scontro tra i componenti del governo.

Lo schieramento che fa capo alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, spalleggiata dalle ministre di Italia Viva Elena Bonetti e Teresa Bellanova, che spingeva per la riapertura il 7, si è scontrato con l’ala del Pd capeggiata dal ministro Dario Franceschini, che voleva una riapertura non prima del 15 gennaio. Dal canto loro, alcune Regioni – come Veneto, Friuli e Marche – avevano già iniziato a posticipare le aperture.

Il governo alla fine ha optato per la data dell’11 gennaio: sarà quindi in quel giorno che le scuole superiori riapriranno, con una didattica in presenza al 50 per cento. A favorire il compromesso  sono stati i ministri Francesco Boccia e Roberto Speranza. Ma è tutt’altro che scontato che i governatori delle Regioni accetteranno questa nuova data.

La riapertura delle scuole superiori, in ogni caso, è subordinata all’esito del monitoraggio sull’indice Rt e le fasce di rischio, previsto per venerdì 8. Nelle regioni che dovessero diventare zona rossa, le scuole superiori resteranno chiuse anche dall’11 gennaio in poi, e si procederà esclusivamente con la didattica a distanza.

Leggi anche: 1. Disuguaglianze: ricorderemo il 2020 come uno degli anni peggiori; // 2. Vaccini, Lombardia in ritardo. Gallera: “Non faccio rientrare i medici dalle ferie per le vaccinazioni” // 3. Vaccino, l’elenco completo dei centri di somministrazione in Italia “è ancora in divenire”. Il documento di Arcuri;

4. Festa di Capodanno nel resort di lusso sul Lago di Garda: multate 126 persone. Locale chiuso // 5. Le regole in vigore dal 7 gennaio 2021: scuole, palestre, bar e ristoranti; // 6. La variante inglese è più diffusa tra i bambini: riaprire le scuole significherebbe favorire il virus (di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

26
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.