Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Napoli, professore ucciso a coltellate nella scuola in cui insegnava

Immagine di copertina
Credit: ANSA/CESARE ABBATE

Napoli, professore ucciso a coltellate nella scuola in cui insegnava

Ucciso nella scuola in cui insegnava. È accaduto a Melito, nel napoletano, dove il corpo del professor Marcello Toscano, 64 anni è stato trovato all’esterno dell’istituto Marino Guarano, con diverse ferite di coltello all’addome. Ad allertare le autorità erano stati i famigliari di Toscano, preoccupati perché non era più rientrato. Poco dopo la denuncia fatta in serata, l’auto della vittima era stata trovata nei pressi della scuola in cui faceva l’insegnante di sostegno. Una volta aperti i cancelli, gli investigatori hanno trovato il corpo di Toscano nel cortile.

“Non so cosa sia successo ma potrebbe essere stata una nota a scatenare l’ira di qualche ragazzo o qualche genitore”, ha detto all’agenzia LaPresse il professore Andrea Cipolletti, amico e collega della vittima. “Marcello a mezzogiorno ha chiesto a un suo collega di insegnargli a mandare la posizione tramite WhatsApp, probabilmente si sentiva in pericolo”, ha aggiunto.

Già lo scorso maggio uno studente della stessa scuola era stato accoltellato in classe. Qualche mese prima invece, una 11enne era stata aggredita nel bagno della scuola da una coetanea.

Per quanto riguarda il caso di Toscano, i carabinieri hanno già acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza della scuola e hanno sentito amici, parenti e colleghi della vittima, per ricostruire le ultime ore di vita della vittima.

“L’hanno ammazzato come un cane nel cortile di una scuola della Repubblica Italiana nella tarda mattinata di un anonimo martedì di fine settembre”, ha scritto su Facebook il cugino, cugino, il giornalista Marcello Curzio. “Cronache da Melito dove si muore senza un perché e tra l’indifferenza generale grazie ad uno Stato che ha abdicato da tempo diventando solo una sorta di participio passato: qualcosa che è stato ma che adesso non c’è più”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Salento, ragazza di 15 anni molestata da un 50enne in spiaggia: salvata dagli altri bagnanti
Cronaca / Venezia, bambina di 1 anno dimenticata in auto dal papà: morta di caldo
Cronaca / Afa e caldo sull'Italia, Caronte non molla la presa: ma nel weekend arriva la grandine
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Salento, ragazza di 15 anni molestata da un 50enne in spiaggia: salvata dagli altri bagnanti
Cronaca / Venezia, bambina di 1 anno dimenticata in auto dal papà: morta di caldo
Cronaca / Afa e caldo sull'Italia, Caronte non molla la presa: ma nel weekend arriva la grandine
Cronaca / Matera, due vigili del fuoco muoiono mentre spengono un incendio
Cronaca / Cuneo, bambina di 7 anni annega in un lago: era in gita col centro estivo
Cronaca / Salva la vita alla nipotina e muore annegata: Vieste piange la libraia Savina Disanti
Cronaca / Madre e figlio trovati morti nel Lago di Garda: erano scappati dalla guerra in Ucraina
Cronaca / Meteo, l’ondata di caldo africano imperversa sull’Italia, ma dal weekend cambia tutto: temporali in arrivo
Cronaca / Diagnosticati all’ospedale Sacco di Milano i primi due casi di virus Oropouche
Cronaca / Che cos’è e come si tramette il virus Oropouche: i sintomi da tenere d’occhio