Covid ultime 24h
casi +14.078
deceduti +521
tamponi +267.567
terapie intensive -43

Michela Murgia difende Luciana Littizzetto dagli insulti di Matteo Salvini

La scrittrice interviene a favore della comica

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 16 Ago. 2019 alle 17:25 Aggiornato il 18 Ago. 2019 alle 11:39
0
Immagine di copertina

Michela Murgia difende Luciana Littizzetto dagli insulti Matteo Salvini

Michela Murgia difende Luciana Littizzetto dagli insulti di Matteo Salvini e degli utenti social.

La scrittrice aveva condiviso il video in cui la comica e conduttrice tv Luciana Littizzetto lancia l’appello in favore dei migranti che attendono da 13 giorni un porto di sbarco a bordo della Open Arms.

Il ministro dell’Interno ha ripreso il contenuto del video e sui social l’ha condiviso insieme al commento: “Quanti ne accoglierà a casa sua?”.

A commento del post, gli utenti di Facebook si sono scatenati, riempendo la donna d’insulti sessisti.

Molti hanno attaccato Luciana Littizzetto per il suo stipendio tv da capogiro o le sue proprietà a Torino. Nelle ultime ore l’attacco è diventato virale.

Cosi Michela Murgia si è nuovamente espressa in difesa di Luciana Littizzetto in un post Twitter, in cui ha scritto:

“Madre affidataria, benefattrice di case famiglia, famiglia lei stessa per donne in difficoltà con figli a carico, Luciana Littizzetto può dare lezioni di accoglienza a chiunque. Salvini, disumano e codardo, può solo indicarla ai suoi cani come bersaglio. Lo schifo al potere”.

E poi ha continuato: “Quello che sta facendo Salvini alle persone sulla Open Arms è una crudeltà senza giustificazione. Littizzetto ha avuto il coraggio di dirglielo e lui, forte solo con i deboli, il coraggio non lo sopporta. Stima e solidarietà a Luciana Littizzetto per la violenza squadrista”.

Per il momento Luciana Littizzetto non è intervenuta.

La lezione di Michela Murgia a Matteo Salvini, che la definisce “intellettuale radical chic”

“Michela Murgia speriamo che ti violentino”: frasi shock su gruppo social pro Salvini

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.