Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Natale con il Covid: a Milano dopo il panettone arriva anche il… tampone sospeso

Immagine di copertina
Un tampone, con test antigenico (foto: ANSA/CESARE ABBATE)

L'iniziativa sanitaria è stata lanciata dal poliambulatorio "Medici in famiglia" per aiutare chi non può permettersi test a pagamento. E al progetto dell'associazione "Panettone Sospeso" aderisce anche la pasticceria di Carlo Cracco

Come inciderà la pandemia di Covid-19 sul Natale di Milano? La tradizionale propensione dei milanesi per la solidarietà si traduce in due iniziative davvero particolari: oltre al panettone, arriva anche… il tampone sospeso.

Il tipico dolce meneghino già negli scorsi anni era stato oggetto della generosità nei confronti dei meno abbienti. Fino al 22 dicembre, sarà possibile aderire alla nuova edizione dell’iniziativa dell’Associazione no profit “Panettone Sospeso”: in 14 pasticcerie cittadine si potrà acquistare un panettone da lasciare a disposizione di chi non può permetterselo. In questo 2020 così particolare si sono aggiunte tre nuove pasticcerie agli aderenti al progetto: “I Dolci del Paradiso” (il cake hub di Comunità Nuova, la onlus presieduta da don Gino Rigoldi), la storica insegna “Martesana Milano” e il laboratorio di pasticceria dello Chef Carlo Cracco. Così come il “caffè sospeso” rappresenta la generosità di Napoli, il panettone simboleggia la milanesità e, altra novità 2020, si potrà regalarne uno anche dal resto d’Italia: i panettoni sospesi verranno consegnati a “Casa Jannacci”, la Casa dell’Accoglienza in Viale Ortles che offre assistenza ai senza fissa dimora, e a “Milano Aiuta”, la rete di solidarietà creata dal Comune di Milano per sostenere i cittadini e le famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza da Covid-19.

Patrocinato dal Comune di Milano, il “panettone sospeso” viene affiancato da un’altra iniziativa analoga, ma decisamente figlia del tempo di grande incertezza che stiamo vivendo: il poliambulatorio “Medici in Famiglia” lancia infatti il tampone sospeso, per aiutare chi vorrebbe farsi un test, ma non può permetterselo.

L’iniziativa segue il progetto della “visita sospesa”, altra forma di solidarietà resa disponibile da “Medici in Famiglia”, anche per sopperire alle carenze della sanità pubblica che “rischia di non essere tempestiva, con i casi di contagio che crescono e la stagione delle influenze che avanza”, spiegano dal poliambulatorio.

“L’offerta a Milano è decisamente ampia e i prezzi non sono sempre bassi. Medici in Famiglia, che da sempre si impegna per garantire a tutti una salute di qualità, propone i tamponi al costo di 90€, e investe gli utili derivanti, anche da questa attività, in erogazione di servizi sanitari gratuiti”.

“Consapevoli che non tutti possono permettersi i tamponi a questa tariffa, soprattutto in un momento in cui tanti hanno perso il lavoro o sono in cassa integrazione, dal centro nasce l’idea del tampone sospeso, che consente alle persone meno abbienti di prenotare gratuitamente un tampone antigenico o molecolare”.

“Ci occupiamo dei meno fortunati dall’avvio della nostra attività – racconta Giulia Di Donato, Amministratore Delegato di Medici in Famiglia – richiamando la filantropica tradizione napoletana del caffè sospeso, abbiamo attivato il progetto Visita Sospesa già da alcuni anni, erogando, solo nel 2019, 6.400 visite gratuite ai nuclei svantaggiati. In un momento come questo, in cui all’emergenza sanitaria si aggiunge la grave crisi economica dovuta alla pandemia, abbiamo pensato che dovevamo fare di più”.

L’accesso al tampone sospeso, come per le visite, sarà regolato dagli accordi con gli enti partner del progetto, che segnaleranno le persone indigenti al centro Medici in Famiglia – scuole, pediatri, medici di medicina generale, onlus e associazioni del territorio. I tamponi si potranno fare al mattino, nella sede di via Lazzaro Papi 20, in zona Porta Romana.

Leggi anche: 1. Calabria, Lombardia e Piemonte diventano arancioni da domenica. Liguria e Sicilia gialle / 2. Coronavirus, Iss: “Decrescita dei contagi ma a Natale evitate aggregazioni e spostamenti” / 3. Coronavirus, verso la chiusura dei ristoranti a Natale e Santo Stefano

4. Covid, la Svizzera apre le piste da sci: “Nessun focolaio, italiani benvenuti” / 5. Vaccino Astrazeneca, Pregliasco a TPI: “Per dire che è efficace al 90% ora servono nuovi approfondimenti” / 6. Chi è Guido Longo, il nuovo commissario alla Sanità della Calabria

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil