Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Milano, migrante positivo: tensione nel centro di accoglienza blindato in attesa dei tamponi

Immagine di copertina
Immagine d'archivio. Credit: ANSA/TINO ROMANO

Da stanotte il centro accoglienza profughi Il Faro a Milano, gestito da Angel Service in via Quintiliano 46, è circondato da militari e forze dell’ordine: un ragazzo ghanese residente nella struttura è stato trovato positivo al Coronavirus a seguito di un test effettuato sul suo posto di lavoro. I 43 residenti del centro saranno sottoposti tutti a tampone, ma non nella giornata di oggi per indisponibilità di personale medico. I test dovrebbero essere effettuati domani, per cui il centro è presidiato affinché nessuno esca.

Il ragazzo ghanese lavora allo smaltimento degli abiti usati. Proprio nella fabbrica in cui lavora (ora chiusa), a quanto sembra, a seguito dei tamponi effettuati sul personale, molti dipendenti sarebbero risultati positivi. Nel centro c’è grande apprensione da parte dei ragazzi ospitati (molti dei quali lavorano fuori) e del personale.

Non sono mancati momenti di tensione perché il ragazzo ghanese, a seguito del test effettuato sul lavoro sabato, è rientrato nel centro in attesa di sapere se fosse positivo. Aveva con sé un documento in cui si spiegava la situazione e lo si invitava a rimanere isolato nella sua stanza fino al risultato del test.

Secondo la testimonianza di alcuni ragazzi, nel centro non è stata comunicata a nessuno degli ospiti la situazione. Nella giornata di domenica un ospite ha dichiarato che sarebbe uscito per andare a messa ma gli è stato impedito dal personale. A quel punto è iniziato qualche sospetto.

Lunedì è arrivato il risultato del test (positivo) e il ghanese ha manifestato l’intenzione di uscire. Ne è nato un alterco col personale, per cui tutti gli ospiti hanno appreso la situazione. I responsabili della struttura a quel punto hanno chiamato le forze dell’ordine e al momento la struttura è presidiata, in attesa che tutti facciano il test. Sperando che, in una città come Milano, non si debba davvero attendere più di 24 ore per effettuare un tampone a 43 persone.

Leggi anche: 1. Cartabellotta (Fondazione Gimbe) smonta la fake news sui nuovi casi Covid “d’importazione” / 2. Terapie intensive per l’emergenza Covid: le regioni non hanno nemmeno iniziato il piano per l’autunno

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Cronaca / Feltri difende Barbara Palombelli: “Sui femminicidi ha ragione”
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Cronaca / Feltri difende Barbara Palombelli: “Sui femminicidi ha ragione”
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”