Mediterranea, evacuati 13 migranti tra cui due donne incinte: “Situazione a bordo insostenibile”

Di Donato De Sena
Pubblicato il 5 Lug. 2019 alle 08:18 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:28
0
Immagine di copertina

Migranti, la nave Alex della Ong Mediterranea al largo di Lampedusa

MIGRANTI NAVE ALEX MEDITERRANEA – Intorno alle 4 di mattina di giovedì 5 luglio, la nave Alex della Ong Mediterranea, con a bordo 54 migranti salvati ieri in acque Sar libiche, è arrivata a 12 miglia da Lampedusa.

A seguito di contatti tra i governi maltese e italiano è stato deciso che Malta trasferirà i migranti a bordo di una nave delle forze armate di Malta e saranno accolti a Malta. Mentre La Valletta accoglierà i 54 naufraghi soccorsi dalla nave Alex, andandoli a prendere con una propria nave militare, l’Italia prenderà 55 migranti da Malta, ha spiegato il governo maltese.

Come riporta Avvenire, i medici della Guardia costiera, saliti a bordo della Alex di Mediterranea a fine mattinata, hanno chiesto l’evacuazione per alcuni migranti.

Tredici persone sono state evacuate nel primo pomeriggio e fatte sbarcare a Lampedusa. Si tratta di un minore, due donne gravide, una donna malata con sorella e figlia e due famiglie di 4 e 3 persone. A bordo del veliero, bloccato in acque internazionali davanti a Lampedusa, restano 36 migranti più l’equipaggio.

Intorno alle 14.30, il ministero della Difesa italiano informa di essere pronto al trasbordo su Malta.

Fonti della Difesa contattate dall’Ansa spiegano: “Nell’ambito della massima collaborazione istituzionale, abbiamo informato il Viminale che la Marina Militare è a disposizione per il trasbordo dei migranti a Malta. Come sempre detto la Difesa è uno strumento al servizio del Paese e delle altre istituzioni. Il governo è al lavoro per individuare una soluzione quanto prima e da parte nostra c’è il massimo sostegno. Le leggi dello Stato italiano si rispettano”.

Intanto, la Procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, lo stesso pm che si è occupato del caso della Sea Watch 3, ha fatto sapere che aprirà un’inchiesta per identificare eventuali scafisti a bordo.

Caos tra Mediterranea e Malta

“A seguito di contatti tra i governi maltese e italiano, è stato deciso che Malta trasferirà 55 migranti, che sono stati salvati in mare al largo della Tunisia e che sono a bordo della nave Alex, a bordo di una nave delle forze armate di Malta e saranno accolti a Malta” annuncia stamani il governo maltese in un comunicato relativo alla nave dell’ong italiana Mediterranea. Ma dalla nave dell’ong arriva poi smentita.

La portavoce di Mediterranea Alessandra Sciurba smentisce anche la notizie di una nave delle Forze Armate in arrivo da Malta per trasbordare e prendersi in carico le 54 persone a bordo del veliero.

“Il nostro capo missione – ha affermato Sciurba – ha appena parlato con il Centro di coordinamento dei soccorsi di Roma il cui responsabile ha affermato che non c’è alcuna intenzione di organizzare il trasferimento con mezzi militari maltesi o italiani”.

“Intanto – ha concluso Sciurba – la condizione di donne, bambini e uomini a bordo della Alex, ancora bloccata al largo di Lampedusa, si sta rapidamente deteriorando. La concessione di un porto sicuro di sbarco è urgente.”

Il governo maltese ha inoltre detto che “questo accordo non pregiudica la situazione in cui questa operazione ha avuto luogo e in cui Malta non ha alcuna responsabilità legale, ma fa parte di un’iniziativa che promuove uno spirito europeo di cooperazione e buona volontà tra Malta e l’Italia”.

Tra le 54 persone ci sono 11 donne, di cui 3 incinte e una in gravi condizioni, e 4 bambini.

Secondo il vice premier Luigi Di Maio è “giusto che queste persone vadano a Malta”. “È un grande show di speculazione politica: c’è chi se ne avvantaggia dicendo no alle entrate e c’è chi se ne avvantaggia dicendo vogliamo entrare”, aggiunge Di Maio a margine del Villaggio Coldiretti a Milano, secondo il quale “i parlamentari del Pd si stanno già mettendo il costume per salire su quest’altra nave”.

Migranti, nave Alex di Mediterranea ferma a Lampedusa: “Un decreto ci vieta l’ingresso”

“Il decreto – ha spiegato in mattinata Mediterranea via Twitter parlando della decisione del governo italiano di imporre lo stop ad Alex – è illegittimo: perché non può applicarsi a una nave che ha effettuato un’operazione di soccorso a tutela della vita umana in mare. E perché non può essere vietato a una bandiera italiana ingresso nelle acque del proprio Paese”.

migranti nave alex ong mediterranea
Immagine: screenshot dei tweet della Ong Mediterranea

Migranti, Malta offre il porto per lo sbarco della nave Alex di Mediterranea

È stata poi la stessa Mediterranea, sempre via Twitter, ad annunciare anche che la notte scorsa, alle ore 5.17, il Centro di coordinamento del salvataggio di Malta ha offerto come “gesto di buona volontà” la disponibilità del Governo maltese allo sbarco sull’isola dei 54 migranti a bordo della nave Alex di Mediterranea.

Mediterranea aveva sottolineato però che “per le condizioni psicofisiche delle persone a bordo e le caratteristiche della nave, non è in grado di affrontare la traversata verso Malta”. “Ma siamo disponibili a trasferire i naufraghi su motovedette maltesi o della Guardia Costiera italiana”, aveva concluso Mediterranea su Twitter.

Salvini: “Alex di Mediterranea vada a Malta o sarà atto di violenza”

Ieri alle posizioni di Mediterranea non si era fatta attendere una replica di Salvini. Il vicepremier e ministro dell’Interno dalla sua pagina Facebook ha intimato alla nave di sbarcare a Tunisi, che era il posto più vicino all’imbarcazione. Oggi ha avvertito: “Se non dirigeranno verso Malta, è chiaro che sarà l’ennesimo atto di disobbedienza, violenza e pirateria: io non mollo!”.

E ancora: “Le autorità marittime maltesi hanno dato alla nave dei centri sociali indicazione di dirigersi verso il porto di La Valletta, dove potranno attraccare”, ha spiegato il leader della Lega, aggiungendo che durante la notte ha firmato, insieme con i ministri Trenta e Toninelli, il divieto di ingresso, transito e sosta in acque territoriali italiane della nave Alex.

> Migranti, Salvini alla Ong Mediterranea: “Vada a Malta o sarà atto di disobbedienza, violenza e pirateria”

La notte scorsa intanto a Lampedusa c’è stato un nuovo mini sbarco di migranti. Intorno alla mezzanotte è approdato direttamente in porto un barchino con a bordo 14 migranti, tra i quali due donne e 4 bambini.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.