Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Quel mega-summit di Natale alla Farnesina senza tamponi e mascherine

Immagine di copertina

Per la serie ultime parole famose, segnatevi queste di Mario Draghi alla XIV Conferenza degli ambasciatori e delle ambasciatrici dell’Italia nel mondo: «L’arrivo della stagione invernale e la diffusione della variante Omicron ci obbligano alla massima cautela. Il contrasto alla pandemia non è una questione soltanto interna, ma un tema centrale per la politica estera».

Chissà se il ministro degli Esteri Luigi Di Maio se le è ricordate, il 28 dicembre, quando al ritorno da una missione a Tunisi si è ritrovato positivo al Covid. Dal discorso di Draghi era passata appena una settimana. E in quella settimana, secondo il tam-tam della Farnesina, tra i cento reduci dalla conferenza Omicron ha galoppato. Altro che «massima cautela». Al tendone allestito davanti al ministero, racconta un diplomatico che ovviamente chiede l’anonimato, «ben pochi degli ambasciatori arrivati da mezzo mondo si sono sottoposti al tampone.

Non era obbligatorio, malgrado alcuni fossero reduci da viaggi aerei durati ore e durante i quali potevano essere stati vittima di contagio. Ci si è accontentati del tampone negativo fatto alla partenza». Perfetto. Qualche anima responsabile si è sottoposta al test, scoprendosi positiva alla faccia del tampone precedente, e ha abbandonato la conferenza per mettersi in quarantena. Ma la maggior parte ha tirato dritto, affollando la sala riunioni del ministero per due giorni consecutivi. Lì hanno parlato sia Mario Draghi sia Sergio Mattarella (è stato il saluto finale del settennato), oltre naturalmente al padrone di casa, Di Maio. E alla fine della conferenza ecco per tutti una bella foto ricordo con poca attenzione alle distanze di sicurezza: davanti al ministero, ben immortalati senza mascherina, spiccano sorridenti i sottosegretari Marina Sereni, Benedetto Della Vedova e Manlio Di Stefano. Poco più in là, ecco Di Maio ed Ettore Sequi, l’ex ambasciatore in Cina che lo stesso Di Maio…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 46enne accoltellato alla Stazione Termini per una rapina: è grave
Cronaca / Roma, bimba viene alla luce dopo essere stata operata di spina bifida in utero: è perfettamente sana
Cronaca / Processo contro Ciro Grillo e i tre amici: “Ho visto i lividi della violenza”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 46enne accoltellato alla Stazione Termini per una rapina: è grave
Cronaca / Roma, bimba viene alla luce dopo essere stata operata di spina bifida in utero: è perfettamente sana
Cronaca / Processo contro Ciro Grillo e i tre amici: “Ho visto i lividi della violenza”
Cronaca / Bimba con febbre a 41 fatta attendere un’ora e mezzo in codice verde: muore tre giorni dopo
Cronaca / “Pestava la moglie e la figlia di 10 anni”: prof della Sapienza e avvocato del Coni a processo
Cronaca / Torino, fermati 5 giovani per il lancio della bici che colpì uno studente: l’ipotesi è di tentato omicidio
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Cronaca / Milano, un altro stupro di gruppo: la vittima è una studentessa di 20 anni