Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Porta a casa gli strumenti chirurgici per giochi erotici: medico condannato

Immagine di copertina

Porta a casa gli strumenti chirurgici per giochi erotici: medico condannato

Tutto è iniziato cinque anni fa, nel 2014. Protagonisti della vicenda sono un medico e un addetto di una lavanderia di Ponsacco, comune di provincia di Pisa. Proprio quest’ultimo, alle prese con un camice del primo, si ritrova in mano una chiavetta usb.

Non sapendo a chi appartenesse il dispositivo, l’uomo ha infilato la chiavetta nel pc e ha sbirciato tra i file contenuti. Dentro non ha trovato esattamente quello che si aspettava. Infatti nel dispositivo del medico, 50 anni, c’erano una serie di foto decisamente particolari.

L’addetto alla lavanderia si è trovato davanti degli scatti inequivocabili: nelle foto si vedeva il medico utilizzare alcuni strumenti chirurgici per giochi erotici – oltre che per le attività ambulatoriali ortodosse.

Subito l’addetto alle pulizie ha denunciato il fatto. L’indagine è scattata e i carabinieri hanno condotto una perquisizione a casa del medico, trovandolo in possesso di strumentazione utilizzata per micro operazioni al naso e di proprietà della Azienda ospedaliera universitaria pisana.

Le prove evidenti hanno portato la procura ad accusare l’uomo di peculato. Anche l’amica del medico che compariva nelle foto in questione finisce nel mirino della legge, ma la sua posizione è stata archiviata.

La Cassazione oggi ha rigettato il ricordo del medico e l’ha condannato anche al pagamento di duemila euro in favore della cassa delle ammende, oltre alla refusione delle spese di giudizio all’Azienda ospedaliera per 3500 euro.

Il medico 50enne si era difeso davanti ai giudici lamentando “di avere, la Corte d’appello omesso di valutare elementi dimostrativi della presa in consegna del materiale sanitario da parte del medico per ragioni di custodia dovute a pregressi furti o smarrimenti in vista di un successivo utilizzo in ambito ospedaliero”.

La Cassazione, invece, ha ritenuto “inverosimile la spiegazione fornita dall’imputato in merito al trasferimento dei dispositivi chirurgici per ragioni di custodia: versione difensiva smentita dall’utilizzo di tali strumenti per uso privato”. Questione chiusa. Ora si capirà se ci sarà anche una conseguenza disciplinare per il medico.

Ecco in che modo questi due pattinatori olimpici stanno ispirando ai loro fan molti racconti erotici

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scampia, linciato dalla folla e gettato in un cassonetto: “Stava abusando di un minore”
Cronaca / In copertina sull’Espresso un “uomo incinto”, Salvini insorge: “Egoismo e follia”
Cronaca / Silvio Berlusconi è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scampia, linciato dalla folla e gettato in un cassonetto: “Stava abusando di un minore”
Cronaca / In copertina sull’Espresso un “uomo incinto”, Salvini insorge: “Egoismo e follia”
Cronaca / Silvio Berlusconi è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele
Cronaca / Mors tua, dose mea: ecco perché lo stop a Reithera dimostra che è in atto una guerra sui vaccini (di L. Telese)
Cronaca / Covid, 6.659 casi e 136 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 16 maggio 2021
Cronaca / Domani cabina di regia del governo sullo slittamento del coprifuoco
Cronaca / Roma, donna chiusa in una smart da 4 giorni: portata in ospedale
Cronaca / Report Iss, i vaccini anti-Covid riducono contagi e ricoveri: -95% di morti già dopo la prima dose
Cronaca / Dai porti italiani partono armi destinate a Israele, ma a Livorno i portuali bloccano il carico