Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bambine non vaccinate escluse dall’asilo a Ivrea: mamma inizia lo sciopero della fame

Immagine di copertina
Credit: AFP

La donna ha fatto domanda all'Asl per mettersi in regola: "Non sono contro i vaccini". Ma dall'istituto fanno sapere: "È una questione che va avanti da un anno. Applichiamo solo la legge Lorenzin"

Figlie non hanno il vaccino: niente asilo. Mamma in sciopero della fame a Ivrea

Le sue bambine non hanno il vaccino necessario e non possono entrare all’asilo per le lezioni. Mamma di Ivrea inizia uno sciopero della fame.

Il fatto è accaduto lunedì 9 settembre, nella città piemontese. Una madre ha accompagnato all’asilo le due figlie gemelle, ma al suo arrivo le è stato impedito di entrare perché le due bimbe non sono in regola con i vaccini.

La donna a quel punto ha iniziato lo sciopero della fame e ha fatto sapere tramite un video diffuso sui social che non riprenderà a mangiare fino a quando le sue bambine “non avranno il loro armadietto e potranno entrare in classe”. La donna ha passato tutta la giornata e tutta la notte di ieri in protesta davanti all’istituto.

La scuola dell’infanzia Villa Girelli ha lasciato fuori dalla scuola altri 4 bambini, sempre nello stesso giorno. Già dal 26 di agosto, l’istituto aveva inviato una lettera alla mamma facendole presente che le bimbe non sarebbero potute entrare all’asilo senza vaccino e senza le documentazioni necessarie.

Alla richiesta della scuola, la mamma aveva risposto con una diffida. “Non sono una no vax”, ha spiegato la donna, “Ho presentato un’istanza all’Asl per avere chiarimenti e mettermi a posto. E questo mi dà diritto a poter entrare”.

Ma i legali della scuola, privata e paritaria, rispondono con un commento a Repubblica: “Abbiamo sempre cercato il dialogo e non lo scontro. Questa è una storia che va avanti da un anno e noi applichiamo la legge 119 del 2017, la cosiddetta legge Lorenzin”.

Tanti i messaggi di solidarietà nei confronti della donna: nel corso della nottata, Chiara Tinuzzo è stata raggiunta da un’altra mamma, mentre domani, mercoledì 11 settembre, è in programma una fiaccolata in suo sostegno.

Vaccini, blitz dei Nas nelle scuole di Torino contro le false autocertificazioni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”
Cronaca / Covid, oggi 17.030 casi e 74 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Lo spot sul Parmigiano Reggiano fa arrabbiare il web: “Sfruttamento del lavoro”. L’azienda: “Lo cambieremo”
Cronaca / Covid: Bolzano in zona gialla da lunedì, cinque regioni a rischio entro Natale
Cronaca / “Noi studenti schiavi della lode”
Cronaca / “La biblioteca che batte l’algoritmo”: intervista a Maranesi, il rettore più giovane d’Italia