Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

Licenziò una maestra vittima di revenge porn: condannata la direttrice d’asilo

Condannata anche la madre di una bimba che frequentava la scuola

Di Anna Ditta
Pubblicato il 19 Feb. 2021 alle 15:54
1.7k
Immagine di copertina
Foto da Pixabay

È stata condannata la direttrice dell’asilo che aveva licenziato una giovane maestra vittima di revenge porn. La vicenda era avvenuta in un piccolo paese alle porte di Torino. La maestra era stata cacciata dalla struttura privata dopo la diffusione in rete di sue foto intime da parte dell’ex fidanzato, che le aveva inviate in una chat ai compagni di calcetto.

La direttrice dell’asilo privato aveva deciso di licenziarla perché temeva di perdere iscrizioni e rette per colpa di quanto accaduto. Il giudice Modestino Villani ha condannato la preside a un anno e un mese per violenza privata e diffamazione. “Siamo tutti lupi cattivi in una storia raccontata male” ha dichiarato la preside, citata da Repubblica.

Oltre alla direttrice d’asilo, è stata condannata anche la madre di una bimba che frequentava la scuola. Venuta a conoscenza delle immagini, la donna aveva fatto pressioni sulla maestra affinché non denunciasse il suo ex fidanzato. Per questo la donna è stata condannata a un anno con pena sospesa.

Anche il papà della piccola alunna e una collega di lavoro della maestra sono stati giudicati in rito abbreviato della diffusione delle immagini. Lui è stato assolto, mentre lei è stata condannata a otto mesi. Intanto l’ex fidanzato, ha chiesto e ottenuto di poter essere messo alla prova con lavori socialmente utili per la durata di un anno.

Leggi anche: 1. Torino, maestra d’asilo licenziata per un video hard diffuso in rete dall’ex fidanzato /2. Che cos’è il revenge porn e come lo si vuole fermare in Italia /3. Chiara Ferragni commenta il caso della maestra vittima di revenge porn. “Le donne nemiche delle donne”

1.7k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.