Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

Luca Palamara è stato radiato dalla magistratura

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 9 Ott. 2020 alle 13:06 Aggiornato il 9 Ott. 2020 alle 14:11
668
Immagine di copertina

Luca Palamara è stato radiato dalla magistratura. La sentenza della sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura (Csm) è arrivata nella tarda mattinata di oggi, venerdì 9 ottobre. Accolta dunque la richiesta del procuratore generale della Cassazione, Pietro Gaeta, che nel chiedere la massima sanzione, ieri, aveva parlato di “gravità inaudita” rispetto ai comportamenti contestati a Palamara. L’ex membro del Csm ed presidente dell’Associazione nazionale magistrati (Anm) – sospeso da oltre un anno dalle funzioni e dallo stipendio da pubblico ministero di Roma – era accusato di aver tentato di condizionare, per interessi personali, la nomina dei vertici delle Procure di Roma e Perugia. Quello di oggi è il verdetto disciplinare per Palamara, sul quale pende anche un procedimento penale: la Procura di Perugia ha infatti chiesto nei suoi confronti il rinvio a giudizio.

Leggi anche: Luca Palamara al TPI Fest: “Io in politica? Non lo escludo”

Leggi anche: Parla Luca Palamara: intervista video integrale al TPI Fest 2020 di Sabaudia

“Massimo rispetto per la decisione”, ha commentato Stefano Giaime Guizzi, il consigliere di Cassazione che ha difeso Palamara davanti alla disciplinare del Csm. Guizzi aveva chiesto il proscioglimento da tutti gli addebiti contestati, ritenendo eventualmente più congrua – anziché la radiazione dalla magistratura – la sanzione della sospensione per due anni, “data la pendenza del processo penale”. A chi gli ha chiesto se quella emessa poco fa dal Tribunale delle toghe sia una “sentenza politica”, Guizzi ha risposto: “Assolutamente no”. Prima che la sentenza di radiazione fosse pronunciata, il difensore di Palamara aveva ribadito la contrarietà all’utilizzo nel procedimento disciplinare delle intercettazioni e aveva lamentato dei testimoni richiesti (da 133 a 6), evocando un prossimo ricorso davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Leggi anche: Palamara al TPI Fest: “Se tornassi indietro non rifarei le stesse cose. Sono pentito”

Da parte sua, nella requisitoria precedente alla sentenza, l’avvocato generale della Cassazione Gaeta aveva difeso il lavoro della Procura generale della Suprema Corte, a fronte della “bolla mediatica che vuole Palamara unico capro espiatorio e che parla di processo che sacrifica uno per salvarne mille, catartico come l’acqua del Giordano”. Secondo Gaeta, Palamara “ha avuto un ruolo primario, è stato regista e organizzatore e sceneggiatore della strategia: senza il suo operato non ci sarebbe stata la riunione all’hotel Champagne e l’interlocuzione con Lotti” sulle nomine.

Leggi anche: Luca Palamara al TPI Fest: “La sinistra orienta la magistratura”

668
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.