Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Luca Palamara chiede al Csm di ascoltare 133 testimoni per la sua udienza disciplinare

Immagine di copertina
Credit: Giuseppe Aresu

Luca Palamara chiede al Csm di ascoltare 133 testimoni per la sua udienza disciplinare

Luca Palamara passa al contrattacco e chiede al Csm di ascoltare 133 testimoni in vista della prima udienza, prevista per il prossimo 21 luglio, del procedimento disciplinare che lo vede imputato con l’accusa di aver manovrato le decisioni del Csm sulle nomine di alcuni magistrati in cambio di denaro, viaggi e regali. L’obiettivo di Palamara, attualmente sospeso dalla carica di magistrato, è quello di ribaltare il processo a suo carico, trasformandolo in un processo a tutta la magistratura italiana. Tanti i nomi illustri chiamati a testimoniare dall’ex presidente dell’Anm. Nel lungo elenco, svelato dal Corriere della Sera, vi sono i consiglieri giuridici di Giorgio Napolitano e Sergio Mattarella, l’ex ministro della Giustizia e attuale vicesegretario del Pd Andrea Orlando, l’ex ministra della Difesa Roberta Pinotti, l’ex capogruppo al Senato del Pd Anna Finocchiaro, l’ex magistrato, ora scrittore, Gianrico Carofiglio.

E ancora, i presidenti emeriti della Consulta, Cesare Mirabelli e Giovanni Maria Flick, e anche magistrati in servizio, come il procuratore di Milano Francesco Greco. Tutto il sistema giudiziario italiano, quindi, finisce sotto accusa secondo le intenzioni di Palamara e del suo avvocato Stefano Giaime Guizzi. Palamara, che è stato il più giovane presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, carica ricoperta da maggio 2008 a marzo 2012, si è sempre difeso affermando che gli incontri ai quali ha preso parte e i colloqui avuti sulle nomine di suoi colleghi non fosse un’eccezione, ma parte di un sistema consolidato. Insomma: “Così fan tutti”.

Leggi anche: 1. Scandalo pm, Luca Palamara espulso dall’Anm / 2. Il caso Palamara e la bufera che sta scuotendo il Consiglio Superiore della Magistratura / 3. Pubblica sicurezza, troppi episodi di “malalegalità”: ora Lamorgese cambi la classe dirigente

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cecilia Strada denuncerà chi ha diffuso fake news sul padre: "Con i vostri soldi finanzierò i soccorsi in mare"
Cronaca / Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori: oggi il decreto in Cdm
Cronaca / Russia, Putin in isolamento: "Positive decine di persone nel mio entourage"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cecilia Strada denuncerà chi ha diffuso fake news sul padre: "Con i vostri soldi finanzierò i soccorsi in mare"
Cronaca / Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori: oggi il decreto in Cdm
Cronaca / Russia, Putin in isolamento: "Positive decine di persone nel mio entourage"
Cronaca / Paracetamolo, plasma iperimmune, anticorpi monoclonali: le risposte ai dubbi sulle terapie anti-Covid
Cronaca / Vicenza, 21enne uccisa a colpi di pistola: assassino in fuga
Cronaca / Covid, oggi 4.830 casi e 73 morti
Cronaca / Tre casi di suicidio nel primo giorno di scuola: due 15enni morti e una 12enne in fin di vita
Cronaca / “Ti stacco la testa”: calci e pugni a bambini dell’asilo. Maestra sospesa a Monza
Cronaca / Nucleare, Salvini: “Una centrale in Lombardia? Sì. Che problema c’è?”
Cronaca / Nasce il settimanale The Post Internazionale (TPI): il video spot del magazine in edicola dal 17 settembre