Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Livorno, striscioni contro Alessandro Borghese: “Non sei il benvenuto, il lavoro gratuito è sfruttamento”

Immagine di copertina

Livorno, striscioni contro Alessandro Borghese: “Non sei il benvenuto, il lavoro gratuito è sfruttamento”

“Lavorare per imparare non significa essere per forza pagati”. Non accennano a placarsi le polemiche sulle dichiarazioni dello chef Alessandro Borghese, a due mesi dall’intervista in cui aveva lamentato la scarsa “devozione al lavoro” dei giovani. Lo dimostra l’accoglienza riservata allo chef romano nella città di Livorno, dove in questi giorni sta girando la nuova stagione di “Quattro ristoranti”.

“Cercasi schiavo. Mai più sfruttamento. Chef Borghese il lavoro si paga sempre!”, l’eloquente messaggio affisso dal sindacato di base Usb in una serie di striscioni nel quartiere Venezia della città toscana. “A Livorno non sei il benvenuto”.

“Vorremmo ricordare a Borghese che il lavoro gratuito (e nel nostro paese esiste in diversi settori) si chiama sfruttamento”, ha dichiarato il sindacato, il quale, in un messaggio sui social, ha ribadito che “il lavoro si paga, sempre”. “Lavorare gratis in un ristorante non è ‘gavetta’ ma sfruttamento”.

Il riferimento è all’intervista a Il Corriere della Sera dello scorso aprile, in cui lo chef aveva parlato dei problemi diffusi nel reperire personale all’interno del settore della ristorazione. Una difficoltà attribuita non a offerte poco competitive, ma all’assenza dello “spirito di sacrificio” nelle nuove generazioni.

“Preferiscono tenersi stretto il fine settimana per divertirsi con gli amici. E quando decidono di provarci, lo fanno con l’arroganza di chi si sente arrivato. E la pretesa di ricevere compensi importanti. Da subito”, aveva dichiarato Borghese, prima di sostenere che non è necessario ricevere uno stipendio se si lavora “per imparare”. “Manca la devozione al lavoro, manca l’attaccamento alla maglia”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Cronaca / Marmolada, trovati altri corpi: le vittime accertate salgono a 9
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Cronaca / Marmolada, trovati altri corpi: le vittime accertate salgono a 9
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Cronaca / Lo chef stellato Andrea Aprea: “Ho assunto trenta persone. Se paghi il giusto le trovi”
Cronaca / Fratelli Bianchi, la madre: “Sentenza ingiusta. Condannati a furor di popolo”
Cronaca / Il Papa nominerà due donne al dicastero dei Vescovi: è la prima volta nella storia
Cronaca / Molestie adunata alpini, pm chiede l’archiviazione: “Difficile identificare i colpevoli”
Cronaca / Consumi, le famiglie non hanno mai speso così tanto per energia, gas e carburanti
Cronaca / Napoli, bufera sulla pizzeria “Dal Presidente” per una storia omofoba su Instagram
Cronaca / Alessandra, sopravvissuta sulla Marmolada, e il post d’addio al compagno: “Ti amo Tommaso”