Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 00:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Libia, al-Serraj avverte: “800mila migranti pronti a invadere l’Italia”

Immagine di copertina
Il premier libico Fayez al Serraj. Credit: ALEX HALADA/APA/AFP

In un’intervista rilasciata a Repubblica e Corriere della Sera, il premier del Governo di accordo nazionale della Libia, Fayez al Serraj, avverte l’Italia.

Guerra in Libia: perché si combatte, chi sta con chi e come siamo arrivati fin qui

“Ci sono 800mila migranti e libici pronti a invadere l’Italia e l’Europa”, alcuni dei quali sono criminali e jihadisti legati all’Isis, che sta riprendendo vigore nella regione.

Secondo i dati dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, circa 3mila migranti sono ancora nei centri di detenzione sparsi sul territorio libico, mentre altre 18mila persone sono state costrette a lasciare le loro abitazioni.

Nell’intervista, il premier libico ha anche ringraziato il Governo italiano per l’impegno profuso nel cercare di risolvere la crisi libica e per aver mantenuto operativa l’ambasciata a Tripoli.

“Noi ci auguriamo che la comunità internazionale operi al più presto per la salvezza dei civili. Haftar dice che sta attaccando i terroristi ma qui ci sono solo civili. Domenica in realtà avrebbe dovuto iniziare la conferenza nazionale libica e invece l’azione di Haftar ha bloccato l’incontro”.

“Siamo di fronte a un’aggressione che potrà diffondere il suo cancro in tutto il Mediterraneo”, ha proseguito al Serraj. “C’è bisogno che Roma e l’Ue siano unite e ferme nel bloccare la guerra di aggressione di Haftar, che ha tradito la Libia e la comunità internazionale”.

Contro il maresciallo si è scagliato anche l’inviato speciale dell’Onu per la Libia, Ghassam Salamè: “Khalifa Haftar non sta compiendo un’operazione anti-terrorismo, ma un colpo di Stato”.

La guerra in Libia e gli interessi dell’Italia: l’analisi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scarcerazione Zaki, l’amica e collega a TPI: “Siamo increduli e felici, ma continuiamo a combattere. Non è ancora libero”
Cronaca / Covid, l’allarme dell’ECDC: “La situazione è molto grave con le feste può peggiorare”
Cronaca / Covid, oggi 15.756 casi e 99 morti: tasso di positività al 2,3%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scarcerazione Zaki, l’amica e collega a TPI: “Siamo increduli e felici, ma continuiamo a combattere. Non è ancora libero”
Cronaca / Covid, l’allarme dell’ECDC: “La situazione è molto grave con le feste può peggiorare”
Cronaca / Covid, oggi 15.756 casi e 99 morti: tasso di positività al 2,3%
Cronaca / Latina, ragazza aggredita a calci e pugni da tre bulle per un sguardo
Cronaca / Blitz antimafia, 32 arresti nel Foggiano. “Il mare è nostro”: il clan si era preso anche la pesca
Cronaca / Vitamina D per evitare il Covid: convinto no vax finisce in terapia intensiva per overdose
Cronaca / Valle D’Aosta, valanga a La Thuile travolge due sciatori: 25enne in gravissime condizioni
Cronaca / Covid, il governo non esclude nuove restrizioni a Natale in caso di peggioramento dell’indice Rt
Cronaca / Palermo, bambina di 11 mesi in overdose: è il quarto caso in meno di un mese
Cronaca / Persone abbandonate su barelle per giorni, medici costretti a turni massacranti: il PS di Rieti è al collasso