Covid ultime 24h
casi 18.938
deceduti +718
tamponi +362.973
terapie intensive -60

Lazio in zona rossa da lunedì: ressa e supermercati presi d’assalto

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 13 Mar. 2021 alle 14:53
791
Immagine di copertina

Da lunedì 15 marzo, il Lazio entra in zona rossa. Esattamente come quando fu proclamato il lockdown nazionale, anche ieri sera, dopo la comunicazione dei nuovi colori delle regioni da parte del Cts, è scoppiato il caos. File e supermercati presi letteralmente d’assalto in varie zone della Capitale. Nonostante le nuove disposizioni non prevedano ovviamente la chiusura dei negozi di generi alimentari, in molti negozi si è assistito a scene da panico. I prodotti più ambiti tornano ad essere latte, pasta, farina e lievito di birra.

Come riporta anche Repubblica, carrelli pieni più del solito in tutta la città e la Regione, da Viterbo a Colleferro, da Tor Lupara a largo Agosta, da Laurentino a Casilino a Trionfale e Euroma2, affollamenti che fino a giovedì non c’erano e razzia di farina, lievito, pasta e inscatolati.

“Un anno dopo siamo a denunciare gli stessi assembramenti del primo e duro lockdown – dichiara Francesco Iacovone, del Cobas nazionale – che mettono in grave pericolo tutti quei commessi che l’assembramento non lo possono evitare, neanche con il massimo delle restrizioni. I controlli scarseggiano e le nuove varianti del SARSCoV-2 destano enorme preoccupazione e rischiano di far impennare la curva dei contagi”.

“Invitiamo i cittadini a non contribuire all’accaparramento senza senso – prosegue il rappresentante sindacale – queste resse sono incomprensibili perché i negozi alimentari non chiuderanno, e dopo un anno tutti lo avrebbero dovuto imparare. Richiamiamo le istituzioni ad inserire questi lavoratori nel piano vaccinale, fondamentali per la resilienza del Paese ma troppo esposti e poco tutelati”, conclude Iacovone.

 Leggi anche: 1. Come cambiano i colori delle Regioni: tutta Italia in rosso o in arancione, Sardegna resta in area bianca; // 2. Draghi: “Nuove restrizioni necessarie per limitare i morti. Per i vaccini attendano tutti il proprio turno”; // 3. Dal 15 marzo scompare l’area gialla, zona rossa nazionale a Pasqua: ecco le restrizioni decise oggi dal governo nel nuovo decreto anti-Covid; // 4. La pandemia economica non ha bollettini quotidiani, ma in Italia ci sono un milione di poveri in più (di Giulio Cavalli)

791
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.