Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il Lazio guarda ai giovani: premiate le 100 idee vincitrici del bando “Vitamina G”

Immagine di copertina
Credits: Luca Perazzolo

Il bando è stato realizzato nell'ambito del programma GenerAzioni Giovani delle Politiche Giovanili della Regione Lazio. Oltre 2,3 milioni di euro alle migliori idee proposte dagli under35 per tutto il territorio regionale

La riforestazione urbana partecipata, il museo sulla storia della donna nell’Antica Roma, l’inclusione sociale per le donne in difficoltà economiche. Il ripopolamento delle famiglie di api, la creazione di distese di lavanda, il museo digitale di Roma. Sono alcune delle 100 idee vincitrici del bando Vitamina G, premiate ieri pomeriggio presso il Talent Garden di Via Ostiense, a Roma, dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Il bando, realizzato nell’ambito del programma GenerAzioni Giovani delle Politiche Giovanili della Regione Lazio con il sostegno della presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per la Gioventù, ha selezionato le migliori idee proposte dagli under35 per tutto il territorio regionale, garantendo oltre 2,3 milioni di euro a iniziative, modelli e proposte selezionate. I vincitori riceveranno un contributo a fondo perduto fino a 25mila euro e saranno affiancati da tutor che seguiranno sul territorio tutti i progetti.

Alla cerimonia di premiazione il presidente Zingaretti ha parlato di “100 nuove idee che saranno finanziate per non lasciare indietro nessuno, includere, valorizzare e riscoprire la cultura“. “Le nuove generazioni sono l’energia e le idee del progresso, le stesse che questo bando valorizza, attraverso un dialogo generazionale su progetti portatori di crescita e benessere sociale”, ha dichiarato. ” Sono particolarmente orgoglioso della grande partecipazione riscontrata, perché racconta anche un altro modo di essere giovani, da cui deve nascere la ripartenza di cui tutti noi abbiamo bisogno”. Vitamina G diventerà anche uno spazio di coworking con sede a Via Ostilia, vicino al Colosseo, dove le ragazze e ai ragazzi potranno lavorare, incontrarsi e fare rete.

Dall’ambiente all’inclusione: le 100 idee premiate

L’ambiente è al centro di numerose idee vincitrici del bando. Tra i progetti premiati c’è lo studio di fattibilità di un’innovativa turbina eolica ad asse verticale per la generazione distribuita di energia elettrica rinnovabile, ma ci sono anche il progetto di riforestazione urbana partecipata “Alberi in rete” del V Municipio e “Let it bee”: l’idea di tre ragazzi di Nazzano per salvaguardare la biodiversità e valorizzare il paesaggio attraverso il ripopolamento delle famiglie di api e la creazione di scenografiche distese di lavanda lungo il territorio.

Intorno al mondo della cultura ruotano invece il progetto “Ascolta i luoghi. Museo digitale di Roma”, che prevede la realizzazione del Museo Digitale del XIV Municipio in cui saranno raccolte le storie dei luoghi tramite i racconti e le voci dei suoi cittadini, e l’idea del Collettivo Archeologhe Romane, con l’apertura del museo della donna romana nel Parco Regionale dell’Appia Antica, per porre l’attenzione sulla figura della Donna nella storia romana.

Altri progetti hanno al centro l’inclusione e l’integrazione su vari livelli: come “Next Generation”, che nascerà a Tor Bella Monaca, Tor Sapienza, Centocelle e Cinecittà per avviare un percorso di partecipazione diretta e di autonarrazione delle cosidette “seconde generazioni” incentivando un dialogo costruttivo tra i giovani con background migratorio.

L’abbattimento delle barriere culturali e sociali nell sport è al centro di “Futsal 4 all”, che punta a realizzare una scuola calcio per bambine fino ai 14 anni presso il campo da calcio dell’IC Sandro Onofri. “Una macchia per tutti” è invece un progetto rivolto alle persone con disabilità che promuove l’inclusione e l’interazione con l’ambiente e la natura attraverso la pratica del trekking e di escursioni accessibili, immersioni fisico-sensoriali e mescolanza tra individui.

Leggi anche: Nasce Cento Incroci, un centro culturale finanziato dalla Regione Lazio nei locali dell’ex Pecora Elettrica

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”