Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Isis, scoperta centrale in Italia: “Servono soldi per comprare le armi”

Immagine di copertina

Isis scoperta centrale Italia – Dopo otto mesi di indagini un ragazzo somalo accusato di aver raccolto soldi da inviare ai miliziani dell’Isis in Africa è stato arrestato.

Il 31 maggio le forze dell’ordine hanno fermato Rashiid Dubad, residente a Cinisello Balsamo, e lo hanno portato in stato di fermo al carcere a Monza: l’accusa a suo carico è di terrorismo per aver cercato di finanziare alcune organizzazioni armate attive nel Corno d’Africa come Al Shabab e Isis.

Il ragazzo somalo di 22 anni avrebbe raccolto denaro tramite il sistema “Hawala” con l’aiuto di altre due persone.

Il vademecum per i combattenti dello Stato Islamico

Elemento cardine delle indagini è stata una chiamata tra Dubad e un altro ragazzo, anche lui somalo, in cui il primo afferma: “Dobbiamo comprare armi, munizioni e pallottole per i nostri ragazzi che combattono. Bisogna mettere insieme 100 su 100”.

La telefonata risale al 12 settembre 2018, quando Rashiid Dubad discute con il connazionale di 23 anni degli scontri in atto in Somalia “per i pozzi d’acqua”, delle lotte per prendersi le “chiavi del territorio” e per mantenerne il controllo.

Al centro delle indagini ci sono anche il 23enne somalo, al momento irreperibile in Germania, e il 22enne etiope Said Mahamed, residente a Torino.

Il pm della Dda di Bologna Antonella Scandellari ha inoltre emesso un decreto di fermo per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina anche verso Cabdiqani Osman, 29 anni, somalo e coinquilino di Rashiid Dubad e Isidiin Ahmed, etiope: avrebbero favorito il transito di somali ed etiopi verso il Nord.

Le indagini

Il lavoro della Digos si è concentrato sul ragazzo irreperibile in Germania e sul somalo Mohsin Ibrahim Omar, attualmente indagato per terrorismo internazionale a Bari: entrambi sono arrivati in Italia nel 2016.

I due giovani secondo gli agenti sarebbero legati ad Abu Hamza, un militante di rilievo dell’Isis arrestato il 25 maggio 2017 in Somalia, e avrebbero avuto contatti con Dubad Rashiid.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce
Ti potrebbe interessare
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti