Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Irruzione neofascista su Zoom: gridano “Ebrei nei forni” alla presentazione di un libro sulla Shoah

Immagine di copertina
Svastiche e simboli neofascisti. In Italia l'apologia del fascismo è reato

È accaduto durante la presentazione del volume "La generazione del deserto" della scrittrice Lia Tagliacozzo

Un gruppo di neofascisti ha fatto irruzione in un evento online durante il quale la scrittrice Lia Tagliacozzo stava presentando il suo libro “La generazione del deserto” (Manni editore) sulla memoria della Shoah. La presentazione, che si stava svolgendo su Zoom domenica scorsa, era stata organizzata dal Centro di studi ebraici di Torino e dall’Istoreto, l’Istituto piemontese della Resistenza.

“Ebrei ai forni”, “Vi bruceremo tutti”, “Dovete morire” sono stati alcuni degli insulti gridati dai neofascisti, che si nascondevano dietro immagini come svastiche, aquile del Terzo Reich e foto di Adolf Hitler. Un vero e proprio “Zoombombing”, che però è durato poco. Dopo che gli organizzatori sono intervenuti per silenziare ripetutamente gli incursori, infatti, l’evento è proseguito.

Gli incursori neofascisti su Zoom erano almeno una decina, avevano voci giovani, e ora sono stati denunciati alla polizia postale per risalire alla loro identità. “I nazisti mi sono entrati in casa un’altra volta, come fecero quando bussarono a questa stessa porta, il 16 ottobre del ’43 durante il rastrellamento del Ghetto, per portare via la mia famiglia, dimezzata nei campi di concentramento”, ha raccontato Lia Tagliacozzo,  scrittrice e giornalista romana ed ebrea, nipote di deportati ad Auschwitz e figlia di due sopravvissuti alla Shoah. “È stato scioccante ma non ci hanno fermato, la nostra presentazione è andata avanti, abbiamo continuato a parlare, a ragionare. Mentre loro, dopo due minuti, sono stati allontanati: loro hanno perso, noi abbiamo vinto”.

Leggi anche: 1.Dai complotti sul web al tentato golpe: così Trump ha legittimato il neo-terrorismo americano /2. Torino, scritta nazista “Sieg Heil” e svastica sulla casa della figlia di un partigiano /3. Covid, medico ebreo salva la vita a un uomo con tatuaggi nazi

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Falcone star di TikTok”: i video sul magistrato antimafia ricevono oltre 140mila visualizzazioni sul social dei 20enni
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Covid, 30.310 casi e 108 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 12,2%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Falcone star di TikTok”: i video sul magistrato antimafia ricevono oltre 140mila visualizzazioni sul social dei 20enni
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Covid, 30.310 casi e 108 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 12,2%
Cronaca / Bambino morto all’asilo, la proprietaria dell’auto: “Sono sicura di aver inserito la marcia, il freno a mano non ricordo”
Cronaca / Identificato allo Spallanzani di Roma il primo caso in Italia di vaiolo delle scimmie
Cronaca / I buchi nelle indagini sulla strage di Capaci: quelle tracce mai seguite
Cronaca / Rimorchiatore affonda al largo di Bari, 5 morti: “Capitano trovato vivo su una zattera”
Cronaca / Il pm Tescaroli a TPI: “Sulla strage di Capaci presunti interessi esterni a Cosa nostra”
Cronaca / Falcone e quelle indagini naufragate su Mattarella e Gladio
Cronaca / ESCLUSIVO TPI: Falcone spiato da apparati dello Stato durante l’interrogatorio (finora ignoto) a Licio Gelli