Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Ex Ilva, Taranto: gru cade in mare per il maltempo, un operaio disperso

Immagine di copertina
Foto dal profilo Facebook della giornalista Roberta Benvenuto

Ex Ilva Taranto incidente gru maltempo disperso – Alle 19.30 di ieri, 10 luglio, il maltempo a Taranto ha scatenato una tromba d’aria che ha fatto cadere una gru sul quarto sporgente dello stabilimento ArcelorMittal Italia di Taranto, ex Ilva. All’interno della gru si trovava il 31enne Mimmo Massaro, un operaio siderurgico, adesso disperso. La gru è precipitata in mare e sono stati immediatamente attivati i soccorsi.

A pubblicare le prime foto dell’accaduto è la giornalista Roberta Benvenuto, che dà la notizia dalla sua pagina Facebook. Secondo le sue fonti l’uomo è di Fragagnano.

Ilva Tarantoincidente gru maltempo disperso
Foto dal profilo Facebook della giornalista Roberta Benvenuto

Un episodio simile si è verificato nel 2012, quando una gru dello stesso sporgente cadde in mare spezzata da un tornado. Nell’incidente perse la vita Francesco Zaccaria. Il suo corpo fu ritrovato solo alcuni giorni dopo.

A maggio 2018 è morto invece Angelo Fuggiano, sullo stesso sporgente. La carrucola di una gru lo ha colpito alla spalla e poco dopo ha perso la vita.

Oggi ci sarà una manifestazione dei lavoratori in piazza Gesù Divin Lavoratore per esprimere solidarietà all’uomo disperso.

Ilva Taranto incidente gru maltempo disperso | La chiusura dell’altiforno 2 e i problemi di sicurezza

La notizia non arriva “a ciel sereno”. Il 9 luglio la procura di Taranto ha stabilito la chiusura dell’altoforno 2 perché l’azienda proprietaria dell’acciaieria non avrebbe applicato correttamente il suo piano di “messa in sicurezza”.

Le motivazioni della decisione sono legate in particolare alla morte dell’operaio di 35 anni Alessandro Morricella, che l’8 giugno 2015 fu ucciso da un getto di ghisa dell’altoforno 2.

La procedura di sequestro doveva scattare immediatamente ma un decreto del governo la bloccò, concedendo la facoltà d’uso dell’altoforno.

L’azienda presentò in risposta un piano di messa in sicurezza, il gip però ritiene che non sia stato messo in atto correttamente e per questo ha potuto procedere al sequestro. La decisione per essere applicata avrà bisogno di tempo. L’altoforno non potrà essere spento immediatamente. Ma intanto a Taranto di lavoro si continua a morire.

Ilva Taranto incidente gru maltempo disperso | Perché di Maio si trovava a Taranto

I problemi dell’ex Ilva vengono da lontano e negli ultimi decenni hanno già provocato migliaia di vittime. Di Maio il 9 luglio si trovava a Taranto quando la procura ha notificato la chiusura dell’altoforno.

Era lì per un tavolo con i sindacati e l’azienda Arcelor Mittal, colosso franco-indiano che a novembre 2018 attraverso la sua partecipata Am Investco Italy, di cui detiene il 94,4 per cento, ha acquisito l’Ex Ilva.

Il 26 giugno Arcelor Mittal ha infatti minacciato che Taranto sarebbe stata chiusa il 6 settembre, all’entrata in vigore della norma del decreto Crescita che ha abolito l’immunità penale.

L’abolizione dell’immunità voluta da decreto “non garantisce l’operare del management, in assenza di protezione legale”, comunicava la multinazionale. Intanto, “per sicurezza”, a giugno l’azienda ha disposto 13 settimane di cassa integrazione per 1395 dipendenti a partire da luglio.

Lo stabilimento di Taranto continua a non essere sicuro. Di recente a gennaio 2019 la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo ha emesso una sentenza favorevole al ricorso presentato da 182 cittadini di Taranto contro lo Stato italiano sui danni prodotti dall’azienda negli ultimi decenni.

Qui abbiamo ricostruito tutta la vicenda dell’Ilva fino ad oggi a partire dall’esplosione del caso nel 2012.
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Falcone star di TikTok”: i video sul magistrato antimafia ricevono oltre 140mila visualizzazioni sul social dei 20enni
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Covid, 30.310 casi e 108 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 12,2%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Falcone star di TikTok”: i video sul magistrato antimafia ricevono oltre 140mila visualizzazioni sul social dei 20enni
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Covid, 30.310 casi e 108 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 12,2%
Cronaca / Bambino morto all’asilo, la proprietaria dell’auto: “Sono sicura di aver inserito la marcia, il freno a mano non ricordo”
Cronaca / Identificato allo Spallanzani di Roma il primo caso in Italia di vaiolo delle scimmie
Cronaca / I buchi nelle indagini sulla strage di Capaci: quelle tracce mai seguite
Cronaca / Rimorchiatore affonda al largo di Bari, 5 morti: “Capitano trovato vivo su una zattera”
Cronaca / Il pm Tescaroli a TPI: “Sulla strage di Capaci presunti interessi esterni a Cosa nostra”
Cronaca / Falcone e quelle indagini naufragate su Mattarella e Gladio
Cronaca / ESCLUSIVO TPI: Falcone spiato da apparati dello Stato durante l’interrogatorio (finora ignoto) a Licio Gelli