Coronavirus, la virologa Ilaria Capua sulle cause del contagio in Lombardia

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 27 Mag. 2020 alle 07:57
821
Immagine di copertina

Ilaria Capua a DiMartedì: “Treni vecchi e sporchi causa del contagio”

“Una delle migliori politiche di sanità pubblica che si possano fare è sistemare la rete dei treni che gira intorno alla Lombardia perché sono vecchi e sporchi. Molto probabilmente hanno contribuito a diffondere il contagio“, la virologa Ilaria Capua, ospite fissa di Giovanni Floris a DiMartedì, torna a parlare della Lombardia travolta dal Coronavirus e individua le cause che hanno determinato un così alto numero di contagi nella regione.

Nel corso della trasmissione tv, la virologa rassicura sulla possibilità dell’arrivo di una seconda ondata di contagi in autunno: “La seconda ondata potrebbe non arrivare se continuiamo a difenderci bene. La seconda ondata è il virus che fa capolino tra le maglie delle difese che abbiamo posto. Siamo noi, con i nostri comportamenti e la ripresa della nostra attività, che possiamo facilitare il ritorno del virus. Se osserviamo alcuni comportamenti, come lavarsi le mani e osservare la distanza di sicurezza, potrebbe anche non esserci la seconda ondata”, afferma la virologa.

“L’Italia è ripartita perché il contagio si è arrestato e si sono ridotti significativamente i ricoveri in terapia intensiva, i comportamenti messi in atto funzionano. Dobbiamo continuare con comportamenti virtuosi fino a quando il virus non continuerà a circolare sotto traccia senza dare fastidio perché si sarà sviluppata l’immunità di gregge o sarà arrivato il vaccino”, aggiunge.

“Noi stiamo vivendo nel presente il risultato di quanto fatto 15 giorni fa, dobbiamo mantenere quest’attenzione su comportamenti che possono essere a rischio per le persone fragili e per chi rischia di infettare gli altri. Ogni stupidaggine che facciamo rischia di avere un costo, dobbiamo tenere le persone fuori dagli ospedali”, afferma ancora.

Il virus non si indebolisce perché soffre il caldo. Sono due fattori che non c’entrano uno con l’altro. Il virus si indebolisce se il suo motore comincia a girare in maniera diversa e questo lo vediamo con le sequenze genetiche del virus”, dice ancora.

“Che io sappia, i virus che stanno circolando adesso non hanno mutazioni che possano dirci se i virus sono più o meno aggressivi. Ed è per questo che chiediamo le sequenze. Il virus non andrà via, ha trovato una nuova popolazione: siamo noi, circola all’interno della nostra popolazione provocando danni molto gravi in alcuni DiMartedì.

Leggi anche: 1. Coronavirus, Ilaria Capua: “Non sarà il vaccino a portarci fuori dalla pandemia” / 2. Coronavirus, Ilaria Capua: “Tutte le stime sono sbagliate, della malattia non sappiamo ancora niente. Ma dobbiamo prepararci a cambiare tutto”

821
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.