Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il gruppo Gedi ha truffato l’Inps? Giornali muti sul sequestro da 38 milioni

Immagine di copertina

Ci sono truffe e truffe. Se un gruppo di persone qualunque si finge povero per ottenere il reddito di cittadinanza, state pur certi che tutti i giornaloni scatteranno in piedi con titoli a sei colonne e i loro editorialisti correranno a vergare commenti indignati invocando la cancellazione immediata del sussidio. Ma se uno dei maggiori gruppi editoriali italiani è sospettato di aver truffato l’Inps per accedere ad ammortizzatori sociali, be’, calma, qui invece la notizia può comodamente passare sotto silenzio.

«Chessaràmmai?», devono aver pensato i direttori delle principali testate del Paese di fronte al sequestro da 38 milioni di euro ordinato poco prima di Natale dalla Procura di Roma nei confronti di Gedi, il gruppo editoriale che pubblica, tra gli altri, La Repubblica, L’Espresso, La Stampa, Il Secolo XIX, Huffington Post, più diverse testate locali e tre radio (Deejay, Capital e M2O).

L’ipotesi di reato è truffa all’Inps: i magistrati sospettano che Gedi abbia utilizzato escamotage irregolari per far ottenere il prepensionamento a una settantina di dirigenti che non ne avrebbero avuto diritto, e accedere così agli ammortizzatori messi a disposizione dallo Stato. Ci sono tre manager indagati (uno dei quali non è più in forza a Gedi).

I fatti risalgono a una decina d’anni fa, quando Gedi si chiamava ancora Gruppo L’Espresso ed era controllato dalla Cir dell’ingegner Carlo De Benedetti (oggi editore del quotidiano Domani). Da fine 2019 il gruppo è nelle mani di Exor, la holding della famiglia Agnelli, e il 2020 è stato chiuso con un rosso da 166 milioni di euro.

Gedi sta accelerando sui prepensionamenti: da Federico Rampini a Sergio Rizzo, su TPI i diretti interessati hanno raccontato come, in molti casi, questi divorzi siano stati gestiti in modo poco elegante. Quanto alla presunta truffa all’Inps di era debenedettiana, a scoprirla è stato il quotidiano La Verità. Ma la notizia è stata ignorata praticamente dall’intero panorama mediatico italiano (tranne Il Fatto Quotidiano e Affaritaliani.it). Poi ci si chiede perché i cittadini hanno perso fiducia nei giornali.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”