Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

I “furbetti” del Green pass truffati due volte: comprano certificati falsi e poi vengono ricattati

Immagine di copertina
Le chat Telegram

Furbetti che non sono poi così furbi. È la doppia frode subita da chi pensava di aggirare i controlli. Pensavano di comprare certificati falsi, hanno versato i soldi, fornito i documenti d’identità ai truffatori e non hanno ricevuto nulla in cambio. A quel punto hanno minacciato di denuncia i truffatori, ma questi hanno chiesto altri soldi: pena la pubblicazione di tutti i loro dati. Ora arriva la maxi operazione della Polizia Postale

È iniziato tutto sulle chat di Telegram, dove a ridosso del 6 agosto, giorno in cui è entrato in vigore l’obbligo della certificazione verde per determinate attività, sono comparse una serie di offerte per l’acquisto di un Green Pass falso a un costo che va dai 150 ai 350 euro.

Gli utenti venivano attratti con messaggi del seguente tenore: “Ciao, ti spiego brevemente come funziona. Attraverso i dati che ci fornisci (nome, cognome, residenza, codice fiscale e data di nascita) una dottoressa nostra collaboratrice compila un certificato vaccinale e (quindi sì, risulti realmente vaccinato per lo Stato) e da lì il Green Pass”.

Per evitare di vaccinarsi ma al tempo stesso avere la possibilità di accedere a tutti i servizi riservati agli immunizzati, gli utenti hanno pagato i truffatori per ottenere il Green Pass Falso. Peccato che quei Green Pass falsi non esistano. A quel punto i furbetti del Green Pass hanno provato a chiedere indietro i soldi. Minacciando di denuncia i truffatori di Telegram. E qui arriva il bello: in risposta alle minacce i truffatori hanno chiesto loro altri soldi, pena la pubblicazione di tutti i loro dati. Una doppia frode, quindi, per quei “furbetti” (che alla fine così furbi non sono) i quali pensavano di aggirare i controlli con un Green Pass falso acquistato sul web.

I truffatori hanno risposto alle minacce dei loro clienti con un messaggio che recita: “Noi offrivano fino a poche ore fa un servizio illecito, è vero. Ma la nostra identità è sempre stata ben tutelata, così come i nostri sistemi. I clienti, gli stessi che ora cercano di minacciarci, ci hanno fornito i loro documenti, i loro recapiti e hanno addirittura pagato fornendo le prove del pagamento, tutte prove che abbiamo accuratamente archiviato consci che sarebbe successo questo”. E alla fine del messaggio arriva anche la “lezione di vita” ai truffati. “Minacciare un’identità ignota quando si è totalmente disarmati, nel torto e con l’unica possibilità di prendere una denuncia penale è da stupidi“, si legge nella chat.

Ma non è tutto. I truffatori danno anche tempo 24 ore per inviare un pagamento di ulteriori 350 euro in bitcoin. Se la cifra non sarà pagata, i truffatori assicurano che compiranno una serie di azioni: segnaleranno i soggetti al sistema sanitario, al ministero della salute e a tutti gli enti interessati. Segnaleranno i documenti dei soggetti alle autorità in modo da impedire loro di fare false denunce di smarrimento e annullare quelle già sporte. E pubblicheranno sul canale tutti i dati in loro possesso tra cui nomi e cognomi, smascherando quindi gli acquirenti del falso Green Pass.

Fake Pass, la maxi retata della Polizia

Nella vicenda è intervenuta la Polizia di Stato con la maxi operazione della Polizia di Stato denominata “Fake Pass” di contrasto al commercio online di falsi Green Pass Covid-19. Gli investigatori del Servizio Polizia postale e delle comunicazioni di Roma, Milano e Bari, con il coordinamento delle procure di Roma e Milano e dei minorenni di Bari, stanno eseguendo perquisizioni e sequestri nei confronti degli amministratori di 32 canali Telegram responsabili della vendita di Green Pass Covid-19 falsi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"
Cronaca / Rt ancora in calo in Italia, lieve diminuzione di ricoveri e terapie intensive
Cronaca / È arrivato il numero 1 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 5.117 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 1,7%
Cronaca / Covid, Bassetti: “La pandemia potrebbe finire entro la prossima primavera”
Cronaca / Gimbe: "In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati"