Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Anche gli economisti sono contro Gallera dopo la gaffe sull’indice di trasmissibilità del virus

Immagine di copertina

Anche gli economisti sono contro Gallera

Nelle ultime ore ha fatto molto discutere il video, pubblicato da TPI, in cui l’assessore alla Sanità della Lombardia Giulio Gallera dava una quanto meno esilarante spiegazione di come funziona l’indice di trasmissibilità del virus. Secondo Gallera oggi in Lombardia per contrarre il Coronavirus bisogna incontrare due infetti contemporaneamente.

 

 

“Rt a 0.51 cosa vuol dire… che per infettare me bisogna trovare due persone nello stesso momento infette, e non è così semplice trovare due persone allo stesso momento infette per infettare me”, dice l’assessore durante il suo ultimo bollettino su Lombardia news. Inevitabilmente queste parole hanno fatto il giro del web. Gallera ha poi provato a contrattaccare prendendosela con la stampa e con l’opposizione: “Cari Majorino e TPI dormite sonni tranquilli”, ha detto, sostenendo che saremmo solo degli “pseudo giornalisti in cerca di visibilità”.

 

 

L’indice di trasmissibilità (Rt), va ricordato, è il parametro che misura la potenziale trasmissibilità di una malattia infettiva. In pratica, è il numero medio delle infezioni prodotte da un individuo infetto. Se è 1 vuol dire che un infetto infetta potenzialmente un’altra persona. In Lombardia in questo momento l’indice è 0,50, dunque significa che un infetto, grazie alle misure di contenimento, non infetta neppure una persona.

Eppure la gaffe di Gallera è veramente grossa, tanto che a criticarlo non è solo TPI. Nessun attacco politico o tanto meno personale, dunque, ma un semplice racconto dei fatti. D’altronde anche due importanti economisti come Tito Boeri e Roberto Perotti si sono schierati contro l’assessore lombardo, in un commento pubblicato oggi, 24 maggio 2020, sulle colonne di Repubblica.

 

 

“L’assessore alla Sanità della regione Lombardia Giulio Gallera deve dimettersi. Subito. Nel momento più difficile della sua storia la sanità lombarda non può esser guidata da chi crede che per infettarsi sia necessario incontrare contemporaneamente due persone infette”, scrivono senza troppi giri di parole i due economisti.

“Il rifiuto di fare tamponi, lo scempio delle Rsa, le zone rosse mancate sono stati errori tragici, ma altri avrebbero potuto farli, e probabilmente anche i consulenti e i dirigenti delle aziende sanitarie territoriali hanno avuto le loro responsabilità. Ora è diverso: l’affermazione di Gallera è così bizzarra da essere unica al mondo, è persino difficile immaginare come si possa pensarla.

Nemmeno Bolsonaro, o Trump con il suo lavaggio dei polmoni con l’alcol, sarebbero riusciti a concepirla. E Gallera non è una persona qualunque: guida (o dovrebbe guidare) la sanità in uno degli epicentri mondiali della pandemia”, aggiungo Boeri e Perotti, secondo i quali l’assessore alla Sanità della Lombardia ha “dimostrato di non avere capito nulla persino delle nozioni più elementari della trasmissione di un virus”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, l’esilarante spiegazione di Gallera: “Per infettarmi servono due infetti” | VIDEO / 2. Coronavirus, dopo la gaffe sull’indice di trasmissibilità ora Gallera se la prende con TPI: “Pseudo-giornalisti, dormite sonni tranquilli”/ 3. Per contagiare lo pseudo-assessore Gallera servono due infetti. Per salvare la Lombardia bastano due dimissioni (di G. Gambino)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, via libera dell’Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Cronaca / Covid, oggi 15.085 casi e 103 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Covid: la grave forma della malattia raddoppierebbe il rischio di morte anche 12 mesi dopo la guarigione
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, via libera dell’Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Cronaca / Covid, oggi 15.085 casi e 103 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Covid: la grave forma della malattia raddoppierebbe il rischio di morte anche 12 mesi dopo la guarigione
Cronaca / Caso Greta Beccaglia, il molestatore si trasferisce in una località segreta: “Ora temo per mia figlia”
Cronaca / “Il regime di Al Sisi è responsabile per la morte di Giulio Regeni”, lo dice la Commissione Parlamentare
Cronaca / Von der Leyen: “È ora di discutere dell’obbligo vaccinale nell’Ue”
Cronaca / Covid, la conversione del leader veneto no vax dopo il ricovero per il virus: “Vaccinatevi tutti”
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Cronaca / Greta Beccaglia di nuovo in collegamento dopo le molestie: “Avevo bisogno di tornare alla normalità”
Cronaca / Pnrr, arrivano i primi 5,2 miliardi di euro per la scuola: ecco come saranno investiti