Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Funivia, lo sfogo del gestore: “Anche i miei figli erano saliti sulla cabina, non li avrei mai messi in pericolo”

Immagine di copertina

Funivia Stresa-Mottarone, le parole del gestore Gigi Nerini

“Se sapevo che c’era qualcosa di pericoloso non avrei mai rischiato la vita dei miei figli”: lo ha dichiarato Gigi Nerini, il gestore della funivia Stresa-Mottarone, che dallo scorso 26 maggio è in stato di fermo insieme al direttore d’esercizio Enrico Perocchio e al caposervizio Gabriele Tadini con l’accusa di omicidio colposo plurimo, lesioni gravissime e di aver rimosso “sistemi finalizzati a prevenire infortuni e disastri” nell’ambito dell’indagine sulla tragedia della cabina caduta nel vuoto lo scorso 23 maggio.

Lo rivela il Corriere della Sera, che riporta le parole di Andrea Lazzarini, l’editore che gestisce il sito internet della funivia, il quale ha sentito Nerini lo scorso lunedì, il giorno seguente l’incidente.

“Faccio avanti e indietro su quella cabina tutto il giorno – ha dichiarato Nerini – Se sapevo che c’era qualcosa di pericoloso non avrei mai rischiato la vita dei miei figli”.

La mattina del disastro, infatti, sia Federico che Stefano Nerini, figli di Gigi che da poco hanno iniziato a collaborare con l’azienda di famiglia, sono saliti in vetta prendendo la funivia. “Avrebbero potuto esserci loro” ha aggiunto Nerini senza aggiungere altro.

Tuttavia, secondo quanto dichiarato da Gabriele Tadini, capo degli operai della funivia, sia Nerini che il direttore d’esercizio Enrico Perocchio, erano a conoscenza del fatto che i forchettoni, ovvero i divaricatori che impedivano al sistema frenante d’emergenza di scattare, erano stati inseriti.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 180.426 casi e 308 morti. Tasso di positività al 14,8%
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Cronaca / Marco Melandri: “Ho preso il Covid volontariamente per non vaccinarmi e avere il green pass”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 180.426 casi e 308 morti. Tasso di positività al 14,8%
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Cronaca / Marco Melandri: “Ho preso il Covid volontariamente per non vaccinarmi e avere il green pass”
Cronaca / Vladimir Luxuria a TPI: “Mi sento donna anche col pene”
Cronaca / Cannabis light, Luca Fiorentino a TPI: “In Europa si fanno leggi per aprire, da noi si cercano trabocchetti per chiudere”
Cronaca / La mamma di Fedez sventa un tentativo di truffa ai danni del figlio
Cronaca / No vax e non green pass di nuovo in piazza: oggi manifestazioni a Roma, Torino, Milano
Cronaca / Covid, oggi 186.253 casi e 360 morti: mai così tanti decessi dal 22 aprile scorso
Cronaca / Quirinale, il centrodestra candida Berlusconi e gli chiede di sciogliere la riserva: “È la figura adatta”
Cronaca / Covid, Cts orientato a respingere la richiesta delle Regioni: il bollettino non cambierà