Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Funivia, lo sfogo del gestore: “Anche i miei figli erano saliti sulla cabina, non li avrei mai messi in pericolo”

Immagine di copertina

Funivia Stresa-Mottarone, le parole del gestore Gigi Nerini

“Se sapevo che c’era qualcosa di pericoloso non avrei mai rischiato la vita dei miei figli”: lo ha dichiarato Gigi Nerini, il gestore della funivia Stresa-Mottarone, che dallo scorso 26 maggio è in stato di fermo insieme al direttore d’esercizio Enrico Perocchio e al caposervizio Gabriele Tadini con l’accusa di omicidio colposo plurimo, lesioni gravissime e di aver rimosso “sistemi finalizzati a prevenire infortuni e disastri” nell’ambito dell’indagine sulla tragedia della cabina caduta nel vuoto lo scorso 23 maggio.

Lo rivela il Corriere della Sera, che riporta le parole di Andrea Lazzarini, l’editore che gestisce il sito internet della funivia, il quale ha sentito Nerini lo scorso lunedì, il giorno seguente l’incidente.

“Faccio avanti e indietro su quella cabina tutto il giorno – ha dichiarato Nerini – Se sapevo che c’era qualcosa di pericoloso non avrei mai rischiato la vita dei miei figli”.

La mattina del disastro, infatti, sia Federico che Stefano Nerini, figli di Gigi che da poco hanno iniziato a collaborare con l’azienda di famiglia, sono saliti in vetta prendendo la funivia. “Avrebbero potuto esserci loro” ha aggiunto Nerini senza aggiungere altro.

Tuttavia, secondo quanto dichiarato da Gabriele Tadini, capo degli operai della funivia, sia Nerini che il direttore d’esercizio Enrico Perocchio, erano a conoscenza del fatto che i forchettoni, ovvero i divaricatori che impedivano al sistema frenante d’emergenza di scattare, erano stati inseriti.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il figlio di Gina Lollobrigida accusa: “Piazzolla le ha fatto il lavaggio del cervello”
Cronaca / Chi sono i 4 super latitanti italiani ancora nascosti dopo la cattura di Messina Denaro
Cronaca / Ha un infarto durante il turno di notte in ambulanza, medico 42enne si salva la vita
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il figlio di Gina Lollobrigida accusa: “Piazzolla le ha fatto il lavaggio del cervello”
Cronaca / Chi sono i 4 super latitanti italiani ancora nascosti dopo la cattura di Messina Denaro
Cronaca / Ha un infarto durante il turno di notte in ambulanza, medico 42enne si salva la vita
Cronaca / Cassino, donna si lancia dalla finestra: salvata al volo dai passanti
Cronaca / Truccarsi prima di partorire: la nuova moda che divide Tik Tok
Cronaca / Modena, prof accusata di adescare gli studenti: “Ci faceva vedere video hot”
Cronaca / I due cugini cresciuti insieme, il calciatore e il compleanno: chi sono i cinque amici morti nell’incidente di Roma
Cronaca / Giornata della Memoria 2023: frasi e citazioni per non dimenticare la Shoah
Cronaca / Roma, trolley incastrato: uomo muore travolto da treno a Termini
Cronaca / Giorgia Meloni: “La vita da premier è un grande frullatore. Cerco di mettercela tutta per stare con mia figlia”