Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“La funivia aveva i freni disattivati”: le mail e le telefonate fra tecnici e gestori subito dopo il disastro

Immagine di copertina

Funivia Stresa-Mottarone: le telefonate e le mail subito dopo la tragedia

Ci sono anche alcune telefonate effettuate subito dopo lo schianto e una mail inviata al pm al vaglio degli investigatori che stanno indagando sulla tragedia della funivia Stresa-Mottarone.

Lo rivela Il Fatto Quotidiano, secondo cui la prima chiamata avviene nella giornata di domenica 23 maggio alle 12,09, pochi minuti dopo l’incidente.

A farla è Gabriele Tadini, capo degli operai della funivia, che contatta immediatamente Enrico Perocchio, responsabile tecnico dell’impianto.

“Enrico ho una fune a terra. La fune è giù dalla scarpata. La vettura aveva i ceppi” afferma Tadini. La comunicazione si interrompe e Perocchio, che vive nel Biellese, si mette subito in macchina per raggiungere il luogo del disastro.

Alle 12,20, mentre Perocchio è in auto, riceve una seconda chiamata, sempre da Tadini, che gli ripete la stessa cosa: “La vettura aveva i ceppi”. I ceppi sono un altro termine tecnico con cui si indicano le “forchette” o i “forchettoni”, che erano stati inseriti sui freni d’emergenza.

Secondo quanto rivelato da Tadini agli inquirenti il fatto che la cabina avesse i freni d’emergenza disattivati era una cosa nota ai superiori. Versione smentita dal legale del responsabile dell’impianto.

“Portare persone con i forchettoni è una pratica suicida. Il mio cliente non ne aveva idea” ha dichiarato agli inquirenti l’avvocato Andrea Da Prato.

C’è anche una mail che il legale di Perocchio invia nella giornata di martedì 25 maggio alla procura di Verbania in cui afferma che il suo assistito è in possesso di “elementi” utili alle indagini avendo appreso da un dipendente della società di gestione informazioni inerenti “all’utilizzo improprio del sistema frenante”.

La procura, però, non prende in considerazione la mail e nella notte tra martedì 25 e mercoledì 26 maggio procede con i fermi del gestore Luigi Nerini, del direttore d’esercizio Enrico Perocchio e del caposervizio Gabriele Tadini, tutti e tre accusati di omicidio colposo plurimo, lesioni gravissime e di aver rimosso “sistemi finalizzati a prevenire infortuni e disastri”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 12.932 casi e 47 morti: il bollettino del 28 novembre 2021
Cronaca / ESCLUSIVO – Intervista a Valentina Misseri: “A uccidere Sarah è stato mio padre”
Cronaca / Giornalista molestata dai tifosi, ma il conduttore minimizza: "Non te la prendere"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 12.932 casi e 47 morti: il bollettino del 28 novembre 2021
Cronaca / ESCLUSIVO – Intervista a Valentina Misseri: “A uccidere Sarah è stato mio padre”
Cronaca / Giornalista molestata dai tifosi, ma il conduttore minimizza: "Non te la prendere"
Cronaca / Vaccinato con doppia dose e di rientro dall'Africa: chi è il paziente "zero" della variante Omicron
Cronaca / Nessuno ne parla, ma nelle forze dell’ordine c’è un boom di suicidi
Cronaca / La variante Omicron è in Italia: identificato in Campania il primo caso
Cronaca / Covid, oggi 12.877 casi e 90 morti: tasso di positività al 2,2%
Cronaca / Caso sospetto di variante Omicron in Campania: è un uomo rientrato dall'Africa
Cronaca / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: casi nel Regno Unito e in Germania
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%