Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ferrara, detenuto spogliato e picchiato in cella: tre agenti accusati di “tortura”

Immagine di copertina

La Procura di Ferrara ha chiesto il rinvio a giudizio per tre agenti di polizia penitenziaria che sono accusati del reato di tortura nei confronti di un detenuto. Le tre guardie carcerarie sono accusate di averlo fatto spogliare e di averlo picchiato in cella. L’udienza preliminare è fissata per il 9 luglio, di fronte al gup Danilo Russo, dopo il rinvio di quella fissata in pieno lockdown. Ci sarà anche un’infermiera accusata di false attestazioni.

La vittima, secondo quanto riportano i quotidiani locali, è in carcere per omicidio e il suo nome è Antonio Colopi, all’epoca dei fatti, il 30 settembre 2017, detenuto in via Arginone e successivamente trasferito a Reggio Emilia. Secondo la richiesta di rinvio a giudizio firmata dalla pm Isabella Cavallari, in occasione di una perquisizione nella cella d’isolamento, Colopi è stato oggetto di “trattamento inumano e degradante per la dignità della persona”, essendo fatto denudare (slip esclusi) e inginocchiare, e in quella posizione percosso; infine lasciato lì in quelle condizioni fino a essere notato dal medico del carcere durante il giro tra le sezioni. I tre agenti avrebbero agito “con crudeltà e violenza grave” approfittando “della condizione di minorata difesa derivante dall’averlo ammanettato”, contesta la Procura.

Due agenti sono accusati anche di falso e calunnia, per i rapporti sulla vicenda. Il detenuto ha avuto una prognosi di 15 giorni. Imputata anche un’infermiera del carcere, per false attestazioni. L’infermiera ha dichiarato che la mattina del 30 settembre aveva visto Colopi, nella sua cella, sbattere la testa contro la porta blindata, ma la circostanza è contraddetta dall’operatore di polizia penitenziaria che l’accompagnava.

Leggi anche: Coronavirus, caos nel carcere di San Vittore a Milano: detenuti appiccano il fuoco | VIDEO ESCLUSIVO

Il testo integrale del decreto che “chiude” la Lombardia e altre 14 province / 2. Terapie intensive al collasso: “Rischio calamità sanitaria”/ 3. Coronavirus, farmacisti italiani senza mascherine ad alto rischio contagio: l’Esercito potrebbe produrle “ma il Ministero non ce l’ha mai chiesto”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Cronaca / Vaccini, l'appello di Vito Dell'Aquila: "Fatelo tutti"
Cronaca / 5 morti e 5.140 casi nell'ultimo giorno: crescono ricoveri e terapie intensive
Ti potrebbe interessare
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Cronaca / Vaccini, l'appello di Vito Dell'Aquila: "Fatelo tutti"
Cronaca / 5 morti e 5.140 casi nell'ultimo giorno: crescono ricoveri e terapie intensive
Cronaca / Voghera, convalidati arresti domiciliari per Adriatici, trasferito in un luogo segreto
Cronaca / Sbarchi senza sosta a Lampedusa, oltre 1.400 migranti arrivati in 3 giorni
Cronaca / Voghera, spunta un testimone: "L'assessore ha preso la mira e sparato"
Cronaca / Nelle chat dei vigili di Roma il Green Pass paragonato al nazismo: "Non faremo multe"
Cronaca / “Basta dittatura, libertà!”: manifestazioni in tutta Italia contro le nuove regole sui vaccini
Cronaca / Francia, 160mila in piazza per protestare contro il Green pass
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 24 luglio 2021