Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Fase 2, le novità dei trasporti dal 4 maggio: ipotesi tariffe diverse per i biglietti e stop ai controlli

Immagine di copertina
Utenti del servizio pubblico indossano mascherine sanitarie e guanti per viaggiare nelle metropolitana di Milano. ANSA/Marco Ottico

Dai treni agli autobus, metro, fino agli aerei: come viaggeremo nella fase 2? Le misure previste nella bozza di lavoro del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Coronavirus, dai treni ai bus, fino agli aerei: ecco come viaggeremo nella Fase 2

L’Italia si prepara alla graduale riapertura prevista per il 4 maggio e per consentire ai lavoratori di raggiungere il proprio posto di lavoro il governo ha predisposto delle regole precise per i trasporti nella Fase 2 della lotta al Coronavirus. Dalle metropolitane, ai bus, ai treni e agli aerei si dovranno evitare gli assembramenti e gli orari di punta, per questo verranno modificati gli orari di lavoro, dovrà essere rispettato il distanziamento tra i passeggeri, obbligatorio l’utilizzo di mascherine e guanti e sarà prevista la sanificazione dei mezzi. L’approvazione della bozza del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dovrebbe essere comunicata entro domenica 26 aprile, insieme al prossimo Dpcm.

La “leva tariffaria” per scoraggiare gli assembramenti sui mezzi pubblici
Tra le misure previste nella bozza di lavoro del Mit apprese dall’Ansa spicca la possibilità di utilizzare la “leva tariffaria“, vale a dire il diverso prezzo dei biglietti per scongiurare ogni tipo di assembramento nel trasporto pubblico e per diluire il flusso dei passeggeri. C’è anche l’ipotesi della sospensione dei controlli sui biglietti.

Area C e zone a traffico limitato
Il governo sta valutando l’apertura delle zone a traffico limitato nelle città per favorire i trasferimenti dei lavoratori con i mezzi propri (auto, moto, scooter, etc).

Percorsi a “senso unico” nelle stazioni
Per mantenere il distanziamento sociale, il governo sta pensando a percorsi separati per ingresso e uscita dai mezzi pubblici e anche dalle stazioni, con la creazione di percorsi “a senso unico”, dispenser con igienizzanti e l’eliminazione il più possibile dei biglietti cartacei sostituiti da quelli elettronici. Sui treni si ipotizza un potenziamento dei servizi di pulizia, ingressi e discese separati e sui convogli a lunga percorrenza, la sospensione di tutti i servizi di ristorazione a bordo, dal drink di benvenuto, a bar a servizi al posto.

Termoscanner
Nelle grandi stazioni e in aeroporto verrà misurata la temperatura corporea dei viaggiatori con il termoscanner.

Mascherine e guanti
Obbligo del rispetto del distanziamento anche sull’aereo, dove i viaggiatori dovranno tenere mascherina e guanti per tutta la durata del viaggio, sanificazione (in base al traffico) di tutti gli spazi negli aeroporti cercando di separare arrivi e partenze.

Monitoraggio video e posti a sedere sugli autobus e metro
Sui mezzi di trasporto pubblico ci saranno dei marker, cioè dei segni a terra per indicare i posti dove non ci si potrà più sedere in modo da assicurare il distanziamento. Per la metropolitana, dalla bozza si apprende invece che i flussi di entrata e uscita saranno separati e si dovranno mantenere le distanze sia in banchina che sulle scale mobili. Motivo per cui nel documento del Mit si legge che si dovranno “predisporre idonei sistemi” per segnalare “il livello di saturazione stabiliti” e sistemi di telecamere intelligenti per monitorare i flussi. Sugli autobus potrebbe non essere più possibile appendersi ai corrimano restando in piedi, e quindi a bordo si dovrebbe restare solo seduti. I passeggeri dovranno utilizzare solo la porta posteriore e centrale.

Taxi
Per quanto riguarda i taxi e noleggio con conducente, la bozza prevede un massimo di due passeggeri, o uno solo se non ha la mascherina. E’ vietato sedersi accanto al conducente, che dovrà utilizzare i dispositivi di protezione (mascherina e guanti).

Leggi anche: 1. Fase 2: passeggiate, spostamenti, autocertificazione. Come cambia la nostra vita / 2. Fase 2, riaperture: negozi dall’11 maggio. Bar, ristoranti, parrucchieri: il calendario completo

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”
Cronaca / Scuola, il piano Bianchi “copia” Azzolina e ha paura di nominare la didattica a distanza