Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

La storia di Nereo Greggio, il padre del conduttore deportato in Germania nei lager nazisti

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 20 Nov. 2019 alle 15:42
234
Immagine di copertina
Ezio Greggio insieme al padre Nereo

Nereo Greggio, la storia del padre di Ezio Greggio

Ezio Greggio ha rifiutato la cittadinanza onoraria di Biella per rispetto verso Liliana Segre e per coerenza con la storia di suo padre che ha vissuto diversi anni nei campi di stermino nazisti.

Il comune piemontese ha insignito il conduttore di Striscia la Notizia della cittadinanza onoraria, amministrazione che, solo qualche giorno prima, aveva rifiutato la stessa onorificenza alla senatrice a vita sopravvissuta ad Auschwitz, scatenando accese polemiche.

In difesa della storia della sua stessa famiglia e di Liliana Segre, Greggio si è opposto alla decisione del sindaco leghista Claudio Corradino.

“Il mio rispetto nei confronti della senatrice Liliana Segre, per tutto ciò che rappresenta, per la storia, i ricordi e il valore della memoria, mi spingono a fare un passo indietro e non poter accettare questa onorificenza che il Comune di Biella aveva pensato per me. Non è una scelta contro nessuno, ma a favore di qualcuno, anche per rispetto e coerenza a quelli che sono i miei valori, la storia della mia famiglia e a mio padre che ha trascorso diversi anni nei campi di concentramento”, ha detto Ezio Greggio. 

Il padre Nereo è stato da sempre un punto di riferimento importante nella vita del figlio. Scomparso nel gennaio del 2018 all’età di 95 anni, Nereo Greggio “fu internato per oltre tre anni in un campo di concentramento in Germania”.

Ezio Greggio di lui una volta raccontò: “Soldato in Grecia durante la Seconda Guerra Mondiale, si rifiutò di tornare in Italia per combattere contro i partigiani, tra i quali c’erano i suoi parenti”.

Dal padre il conduttore ha ereditato l’umorismo “il dono della battuta”, come Ezio Greggio stesso ha dichiarato. I due erano legati da un rapporto molto intenso, tanto che il conduttore alla fine di quasi ogni puntata di Striscia salutava il padre chiamandolo “Nereus”.

Il padre di Ezio Greggio era direttore di un’azienda tessile. “Basta raccontare la sua storia per trasmettere ai miei figli i valori della nostra famiglia. I miei mi hanno sempre spronato a fare quello che volevo e ci sono riuscito”, aveva raccontato qualche anno fa il conduttore.

Sempre su papà Nereo, Ezio Greggio aveva detto: “Il leit motiv della mia gioventù sono stati i racconti di mio padre Nereo. Potrei realizzare dieci film sulle sue narrazioni”.

234
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.