Roma, elicottero privato precipita nel Tevere: recuperati i corpi delle due vittime

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 10 Lug. 2020 alle 18:33 Aggiornato il 11 Lug. 2020 alle 13:40
26
Immagine di copertina

Un elicottero privato è precipitato nel Tevere a Nazzano Romano, nei pressi di Roma. È successo nel pomeriggio di venerdì 10 luglio, intorno alle ore 17, per cause che sono ancora tutte da accertare. Sul posto si sono subito recati i vigili del fuoco del comando provinciale di Roma per le ricerche delle persone a bordo del velivolo, i cui cadaveri sono stati trovati nella mattinata di sabato 11 luglio. I corpi erano ancorati ai sedili dell’elicottero, che giace ad una profondità di circa 6 metri dell’alveo del fiume Tevere.

L’elicottero, a quanto sembra, avrebbe toccato i cavi dell’alta tensione per poi precipitare nel Tevere: questa la descrizione di quanto avvenuto, fatta da alcuni testimoni ai carabinieri, che hanno visto il mezzo cadere nei pressi di una zona denominata “Tevere Farfa”, che come anticipato si trova nel Comune di Nazzano Romano. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, i carabinieri Monterotondo e i colleghi del Gruppo Ostia, sono attesi anche i militari del Nucleo Sommozzatori del Comando Provinciale di Roma.

Leggi anche: 1. Il Cdm approva il decreto Semplificazioni “salvo intese”: ecco cosa prevede / 2. Roma, positivo al Covid con tosse e febbre fermato alla stazione Termini. Aveva viaggiato per cinque giorni / 3. Test sierologici a docenti e bidelli o la scuola a settembre non riapre: ecco il piano del Cts

4. Bergamo, dopo 4 mesi la terapia intensiva è Covid-free: nessun paziente ricoverato / 5. Gli specializzandi non medici in prima linea contro il Covid: “Noi considerati camici di serie B” / 6. Giovani, risorse da sfruttare ma non stabilizzare. E anche dopo il Covid il Governo li ignora

26
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.