Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Doppio femminicidio a Modena: ”Madre e figlia ridotte alla fame, costrette a mangiare uova avariate”

Immagine di copertina

Doppio femminicidio a Modena: ”Madre e figlia ridotte alla fame, costrette a mangiare uova avariate”

Erano ridotte alla fame le due donne, madre e figlia, uccise dal marito della prima lunedì scorso, alla vigilia dell’udienza per la separazione. Lo afferma l’avvocata Annalisa Tironi, che assisteva la 47enne Gabriela Trandafir.

Poco prima di essere uccisa insieme alla figlia Renata, 22 anni, in provincia di Modena, la donna aveva incontrato la sua legale per discutere dell’imminente udienza di separazione. “Era contenta”, ha detto l’avvocata a La Repubblica, ricordando le difficoltà che le due donne avevano incontrato nel denunciare l’uomo che le avrebbe poi uccise, l’imprenditore edile, ormai in pensione, Salvatore Montefusco.

All’edizione bolognese del quotidiano, Tironi ha raccontato che il 69enne aveva ridotto “letteralmente” alla fame le due donne, costrette una volta a cucinare uova avariate, sentendosi poi male. Montefusco aveva poi allontanare l’ambulanza che era stata chiamata, costringendo la sorella di Trandafir ad avvertire nuovamente i soccorsi. Sempre alla sorella, la vittima era stata costretta a rivolgersi per chiedere denaro, dopo aver venduto i suoi oggetti in oro. In un’altra occasione, quando era andata a visitarla in Veneto per lo scorso Natale, la 47enne si era detta convinta che il marito le avesse montato un dispositivo per controllarla, che poi venne effettivamente scoperto a bordo della sua auto.

Già lo scorso luglio la donna aveva denunciato Montefusco per maltrattamenti, con un’integrazione il mese successivo, seguita a dicembre da un’altra denuncia. La figlia Renata aveva a sua volta denunciato l’uomo due volte ad aprile e maggio. in entrambi i procedimenti penali scaturiti dalle denunce, la procura di Modena aveva però chiesto l’archiviazione. Nel primo caso per maltrattamenti, l’udienza di fronte al giudice per le indagine preliminari si sarebbe dovuta tenere ieri. Il gip ha dovuto però disporre il rinvio per legittimo impedimento, dal momento che l’uomo si trova in carcere per aver ucciso le due donne.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar
Cronaca / Iscritta all’università da 18 anni senza laurearsi, il giudice: “Stop ai soldi del padre”
Cronaca / Covid, aumentano i casi e i ricoveri. Speranza: “Mascherine raccomandate, in autunno vaccino per le varianti”
Cronaca / Bambina di cinque anni ascolta la voce di Gigi D’Alessio e si risveglia dal coma
Cronaca / Saldi estivi 2022: il calendario regione per regione. Date, inizio
Cronaca / Salva moglie e figli in mare ma ha un infarto: muore papà eroe
Cronaca / Venezia, si entra su prenotazione: da agosto la sperimentazione. Nel 2023 arriva il ticket