L’ambulanza non arriva: donna partorisce in casa, grazie alla vicina al telefono con il 118

L'ambulanza non arriva: partorisce in casa, grazie alla vicina al telefono con il 118

Di Donato De Sena
Pubblicato il 29 Ott. 2019 alle 16:13
1
Immagine di copertina
Ambulanza e neonato

Donna partorisce in casa, grazie alla vicina al telefono con il 118

L’ambulanza non arriva in tempo e il bambino nasce in casa grazie ad una vicina che si improvvisa ostetrica e che viene guidata telefonicamente da un’operatrice del 118 di Lecce. È quanto accaduto la scorsa notte a Guagnano, piccolo centro in provincia di Lecce.

A partorire è stata una donna di 39 anni. Il suo primo figlio è nato grazie alle indicazioni fornite al telefono da un’operatrice della centrale del 118 a cui il marito si era rivolto per chiedere l’invio di un’ambulanza. Il mezzo però, a causa la forte nebbia, ha ritardato l’arrivo.

Con il marito della donna in preda al panico, è quindi toccato alla vicina di casa della donna trasformarsi in un’abile ostetrica ed eseguire alla perfezione le indicazioni che le venivano date per telefono.

Quando l’ambulanza è arrivata a destinazione, il piccolo, un maschietto di 3,100 kg, era già nato. Mamma e figlio sono ora ricoverati al Vito Fazzi di Lecce e godono entrambi di ottima salute.

Le notizie di cronaca di TPI

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.