Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Padre Alex Zanotelli a TPI: “Dl sicurezza bis atto criminale, dobbiamo resistere insieme. Oggi digiuno”

Immagine di copertina
Padre Alex Zanotelli durante un incontro del Comitato Civico dell'Acqua con Abc, l'azienda napoletana che gestisce la risorsa idrica, Napoli, 23 ottobre 2018. ANSA / CIRO FUSCO

Il missionario comboniano porta avanti 24 ore di digiuno insieme ai giovani che partecipano al campo di lavoro e spiritualità a Riace

Padre Alex Zanotelli, digiuno contro il decreto sicurezza bis

“Riteniamo il decreto sicurezza bis un atto criminale, non ho altre parole”. Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano che ha vissuto per anni in Africa e ora vive a Napoli, ha deciso di unirsi al digiuno contro il decreto sicurezza bis, attualmente in esame al Senato, da Riace, dove si trova in questo momento.

“Una norma che dice che è reato salvare vite umane diventerà legge di Stato”, spiega padre Alex Zanotelli a TPI, che lo ha contattato telefonicamente. “Questo va contro la civiltà occidentale, va contro tutta la legge del mare, viola i diritti umani fondamentali, è un vulnus terribile“.

Per queste ragioni, padre Alex ha deciso di digiunare per 24 ore insieme ai 20 giovani che partecipano al campo di lavoro e spiritualità a Riace.

Al mattino si lavora per sistemare le case destinate al turismo solidale, mentre il pomeriggio è dedicato alla spiritualità.

“Con i giovani abbiamo pensato di unirci al digiuno a staffetta che va avanti da dieci giorni”, racconta a TPI padre Alex. “Adesso ci troviamo proprio nella piazzetta di Riace, dove Mimmo Lucano aveva fatto il digiuno di giustizia lo scorso anno. Nello stesso luogo stavolta digiuniamo contro il decreto sicurezza bis”.

Il dl sicurezza bis diventerà legge dopo l’approvazione al Senato. Per oggi pomeriggio, lunedì 5 agosto, la Rete Restiamo Umani ha organizzato una nuova manifestazione, dopo quella dello scorso 15 luglio, davanti a Montecitorio.

Secondo padre Alex Zanotelli, una volta che il decreto sarà legge, la strada da percorrere sarà quella della disobbedienza civile.

“Non solo può essere, ma deve essere questa la strada”, spiega. “Proprio ieri dal palco di Riace in festival ho citato un testo di Giuseppe Dossetti, uno dei nostri padri costituenti, che ha dato la possibilità di un incontro tra anima marxista e anima cristiana. Lui nel 1946 aveva proposto che fosse incluso nella Costituzione italiana il diritto-dovere di resistenza di ogni cittadino e collettività quando i poteri pubblici avrebbero violato i diritti fondamentali. Purtroppo questo principio non è passato, ma sarebbe da tenere presente”.

“Oggi è un dovere incominciare davvero la disobbedienza, anche in maniera collettiva. È l’unica maniera in cui ci possiamo salvare”, prosegue padre Alex. “È quello che ha fatto Carola Rackete, che ha disubbidito in virtù di un principio superiore. Sono contento che il gip l’abbia capito e l’abbia rilasciata, perché ha fatto il suo dovere”.

“Sono convinto che tra qualche anno i governanti di oggi verranno portati davanti ai tribunali internazionali”, conclude il missionario, “e purtroppo ho paura che i nostri nipoti diranno di noi quello che noi oggi diciamo dei nazisti”.

Padre Alex Zanotelli a TPI: “Migranti? Il problema è ben più grosso e riguarda la tribù bianca”
Sgombero campo rom Giugliano, padre Alex Zanotelli a TPI: “Famiglie trattate peggio degli animali” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, la protezione civile: “Tenere finestre chiuse”
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, la protezione civile: “Tenere finestre chiuse”
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Cronaca / Covid, oggi 7.975 casi e 65 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Trasporti pubblici gratis per combattere l’inquinamento: l’esperimento al via a Genova