Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

Covid, Lombardia e Piemonte restano zona rossa. Attesa decisione per l’Abruzzo

Oggi le nuove decisione sulla base dei dati regionali relativi al monitoraggio dell'epidemia di Covid-19 in Italia

Di Anna Ditta
Pubblicato il 20 Nov. 2020 alle 11:19 Aggiornato il 20 Nov. 2020 alle 14:21
2
Immagine di copertina

Dopo la cabina di regia e la riunione del Comitato tecnico scientifico di oggi, venerdì 20 novembre, il governo deciderà se nuove Regioni diventeranno zona rossa o arancione, sulla base dei nuovi dati relativi al monitoraggio dell’epidemia di Covid-19 in Italia. In mattinata il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato un’ordinanza, in vigore da oggi, con cui si rinnovano le misure relative alle regioni Calabria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Valle d’Aosta.

La nuova ordinanza è valida fino al 3 dicembre, ma resta ferma la possibilità di una nuova classificazione in base ai dati. Fino a poche ore fa le regioni considerate a rischio erano Puglia, Basilicata e Sicilia, ma secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, al ministero ora prevale la convinzione che solo per l’Abruzzo, che ha già adottato un’ordinanza con misure più stringenti, potrebbe scattare oggi stesso la fascia rossa. Per le altre regioni non dovrebbero esserci sorprese. Ieri anche il governatore della Sicilia, Nello Musumeci ha annunciato un’ordinanza che dispone negozi chiusi la domenica e nei festivi.

Ecco un riepilogo con l’attuale suddivisione delle Regioni. Tra parentesi le date di adozione delle rispettive ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza:

ZONA ROSSA (rischio alto) – Provincia di Bolzano (10 novembre); Calabria (4 novembre); Campania (13 novembre); Lombardia (4 novembre); Piemonte (4 novembre); Toscana (13 novembre); Valle d’Aosta (4 novembre).

ZONA ARANCIONE (rischio medio-alto) – Abruzzo (10 novembre); Basilicata (10 novembre); Emilia Romagna (13 novembre); Friuli Venezia Giulia (13 novembre); Marche (13 novembre); Liguria (10 novembre); Puglia (4 novembre); Sicilia (4 novembre); Umbria (10 novembre).

ZONA GIALLA (rischio medio) – Lazio; Molise; Provincia di Trento; Sardegna; Veneto.

Regioni e zona rossa, Boccia: “Parametri restano ma confronto per prossimo Dpcm”

Il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, ha annunciato ieri al termine del confronto con le Regioni che i parametri resteranno i 21 indicati, ma che da oggi fino a fine mese ci sarà un tavolo tecnico tra il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro, i tecnici dell’Iss, quelli del ministero della Salute e del ministero delle Regioni per valutare le “ulteriori ponderazioni e proposte delle Regioni”. I governatori regionali avevano chiesto di portare gli indicatori da 21 a 5.

“Lavoriamo insieme come abbiamo sempre fatto per il prossimo dpcm, approfondendo in sede tecnica le proposte della Conferenza delle Regioni. Ma fino al 3 dicembre restano in vigore parametri e regole condivise, oggi in vigore. Serve chiarezza, che abbiamo il dovere di garantire anche nel dibattito pubblico”, ha detto il ministro.

“Le proposte scientifiche della Conferenza delle Regioni saranno oggetto – riprende – di un rigoroso confronto con il prof. Brusaferro, il prof. Rezza e i tecnici dell’Istituto Superiore di Sanità che valuteranno tutti i contributi con grande attenzione. Abbiamo la responsabilità comune di garantire la salute di tutti riducendo ogni giorno i contagi e alleviando la pressione sulle reti sanitarie. Dobbiamo lavorare con velocità e unità perché nessuna famiglia pianga più. Anche oggi purtroppo ancora troppi dolori. I morti non sono numeri ma persone la cui scomparsa rende tutti noi più poveri”.

Leggi anche: 1. Covid, Arcuri annuncia vaccinazione di massa nel 2021: “Gran parte popolazione vaccinata nei primi 9 mesi” /2. “Questo Coronavirus è stato un affare”: sequestrata ditta di sanificazioni a Pesaro /3. Dieci giorni di tregua per salvare lo shopping di Natale: il Governo studia il nuovo piano sulle chiusure

4. Esclusivo TPI: La circolare interna di Poste Italiane: “Usate la stessa mascherina per 3 giorni”. Ma durano al massimo 8 ore / 5. Lo Zangrillo parlante è tornato a far danni

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

2
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.