Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Covid, Lombardia e Piemonte restano zona rossa. Attesa decisione per l’Abruzzo

Immagine di copertina

Oggi le nuove decisione sulla base dei dati regionali relativi al monitoraggio dell'epidemia di Covid-19 in Italia

Dopo la cabina di regia e la riunione del Comitato tecnico scientifico di oggi, venerdì 20 novembre, il governo deciderà se nuove Regioni diventeranno zona rossa o arancione, sulla base dei nuovi dati relativi al monitoraggio dell’epidemia di Covid-19 in Italia. In mattinata il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato un’ordinanza, in vigore da oggi, con cui si rinnovano le misure relative alle regioni Calabria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Valle d’Aosta.

La nuova ordinanza è valida fino al 3 dicembre, ma resta ferma la possibilità di una nuova classificazione in base ai dati. Fino a poche ore fa le regioni considerate a rischio erano Puglia, Basilicata e Sicilia, ma secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, al ministero ora prevale la convinzione che solo per l’Abruzzo, che ha già adottato un’ordinanza con misure più stringenti, potrebbe scattare oggi stesso la fascia rossa. Per le altre regioni non dovrebbero esserci sorprese. Ieri anche il governatore della Sicilia, Nello Musumeci ha annunciato un’ordinanza che dispone negozi chiusi la domenica e nei festivi.

Ecco un riepilogo con l’attuale suddivisione delle Regioni. Tra parentesi le date di adozione delle rispettive ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza:

ZONA ROSSA (rischio alto) – Provincia di Bolzano (10 novembre); Calabria (4 novembre); Campania (13 novembre); Lombardia (4 novembre); Piemonte (4 novembre); Toscana (13 novembre); Valle d’Aosta (4 novembre).

ZONA ARANCIONE (rischio medio-alto) – Abruzzo (10 novembre); Basilicata (10 novembre); Emilia Romagna (13 novembre); Friuli Venezia Giulia (13 novembre); Marche (13 novembre); Liguria (10 novembre); Puglia (4 novembre); Sicilia (4 novembre); Umbria (10 novembre).

ZONA GIALLA (rischio medio) – Lazio; Molise; Provincia di Trento; Sardegna; Veneto.

Regioni e zona rossa, Boccia: “Parametri restano ma confronto per prossimo Dpcm”

Il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, ha annunciato ieri al termine del confronto con le Regioni che i parametri resteranno i 21 indicati, ma che da oggi fino a fine mese ci sarà un tavolo tecnico tra il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro, i tecnici dell’Iss, quelli del ministero della Salute e del ministero delle Regioni per valutare le “ulteriori ponderazioni e proposte delle Regioni”. I governatori regionali avevano chiesto di portare gli indicatori da 21 a 5.

“Lavoriamo insieme come abbiamo sempre fatto per il prossimo dpcm, approfondendo in sede tecnica le proposte della Conferenza delle Regioni. Ma fino al 3 dicembre restano in vigore parametri e regole condivise, oggi in vigore. Serve chiarezza, che abbiamo il dovere di garantire anche nel dibattito pubblico”, ha detto il ministro.

“Le proposte scientifiche della Conferenza delle Regioni saranno oggetto – riprende – di un rigoroso confronto con il prof. Brusaferro, il prof. Rezza e i tecnici dell’Istituto Superiore di Sanità che valuteranno tutti i contributi con grande attenzione. Abbiamo la responsabilità comune di garantire la salute di tutti riducendo ogni giorno i contagi e alleviando la pressione sulle reti sanitarie. Dobbiamo lavorare con velocità e unità perché nessuna famiglia pianga più. Anche oggi purtroppo ancora troppi dolori. I morti non sono numeri ma persone la cui scomparsa rende tutti noi più poveri”.

Leggi anche: 1. Covid, Arcuri annuncia vaccinazione di massa nel 2021: “Gran parte popolazione vaccinata nei primi 9 mesi” /2. “Questo Coronavirus è stato un affare”: sequestrata ditta di sanificazioni a Pesaro /3. Dieci giorni di tregua per salvare lo shopping di Natale: il Governo studia il nuovo piano sulle chiusure

4. Esclusivo TPI: La circolare interna di Poste Italiane: “Usate la stessa mascherina per 3 giorni”. Ma durano al massimo 8 ore / 5. Lo Zangrillo parlante è tornato a far danni

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Era una provocazione”: Vittorio Feltri spiega il criticatissimo tweet su Matteo Messina Denaro
Cronaca / Salerno, bimbo di cinque mesi dimesso dall’ospedale muore poco dopo
Cronaca / Bimbi dell’asilo nido maltrattati, indagate cinque maestre e la titolare: “Sbattuti per terra per costringerli a stare seduti”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Era una provocazione”: Vittorio Feltri spiega il criticatissimo tweet su Matteo Messina Denaro
Cronaca / Salerno, bimbo di cinque mesi dimesso dall’ospedale muore poco dopo
Cronaca / Bimbi dell’asilo nido maltrattati, indagate cinque maestre e la titolare: “Sbattuti per terra per costringerli a stare seduti”
Cronaca / Neo mamma vince 100mila euro alla lotteria degli scontrini subito dopo aver partorito
Cronaca / “Perché proprio io?”: il risveglio del ragazzo sopravvissuto all’incidente sulla Nomentana
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Cronaca / “Siamo sicuri che Messina Denaro sia un assassino?”: bufera su un tweet di Vittorio Feltri
Cronaca / Dai peluche ai poster del Padrino e di Joker: le immagini del covo di Messina Denaro | VIDEO