Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il primario del Sacco lancia l’allarme: “Gli ospedali di Milano sono al collasso, se continua così le persone moriranno in casa”

Immagine di copertina

Covid, il primario del Sacco: “Ospedali di Milano al collasso, la gente morirà in casa”

“Gli ospedali di Milano sono al collasso, se continua così la gente morirà in casa”: a lanciare l’allarme sulla difficile situazione dei nosocomi meneghini, ormai quasi saturi a causa dell’epidemia di Covid, è Maurizio Viecca, primario di cardiologia del Sacco di Milano. “Non c’è più posto per i pazienti – dichiara Viecca all’Agi – Avanti così, si rischia di morire in ambulanza o in casa, come accadeva in primavera”. Secondo il medico bisogna intervenire immediatamente con misure ancora più stringenti in Lombardia e soprattutto a Milano dove la percentuale di positivi al tampone è salita al 17%.

“La crisi degli ospedali non dipende tanto dai posti liberi o meno, ma dalla mancanza di personale. Tanti operatori sanitari si sono ammalati, in percentuali che in primavera non si era riscontrate perché a Milano il virus circolava meno” afferma ancora il primario. Secondo Viecca, quindi, bisogna adottare subito delle soluzioni che permettano di evitare scenari ancora peggiori. “Occorre immediatamente ridurre i contatti, sui mezzi pubblici anzitutto. Si deve aprire l’Area C a Milano, si devono utilizzare pulmann privati a uso turistico. E poi ci vogliono i controlli delle forze dell’ordine. Se il 95% delle persone utilizzasse mascherine a norma, avremmo migliaia di morti in meno e il lockdown sarebbe risolutivo e breve, come dimostra uno studio dell’Università di Whashington”.  Secondo Viecca “Il controllo dell’utilizzo delle mascherine e le sanzioni per chi non le indossa o le indossa scorrettamente è per le istituzioni un dovere sociale ma anche morale”.

Leggi anche: 1. Covid, il direttore dell’Ema Guido Rasi: “Improbabile un vaccino a Natale. Ci vorrà un anno per immunizzare tutti e tornare alla normalità” / 2. Covid, Alberto Zangrillo: “Folla nei pronto soccorso? Il 60% dei pazienti sono codici verdi, non c’è il disastro in questo momento” / 3. Galli a TPI: “A Milano la situazione è sfuggita di mano. Coprifuoco? Ormai è tardi”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gubbio, esplosione in un capannone: un morto. Una donna è dispersa ma viva
Cronaca / La nave libica che ha sparato al peschereccio italiano era stata donata dall’Italia a Tripoli
Cronaca / Covid, 10.554 casi e 207 morti nell'ultimo giorno
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gubbio, esplosione in un capannone: un morto. Una donna è dispersa ma viva
Cronaca / La nave libica che ha sparato al peschereccio italiano era stata donata dall’Italia a Tripoli
Cronaca / Covid, 10.554 casi e 207 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Parma: operaio muore schiacciato da un contenitore di mangimi
Cronaca / Caso Cucchi, carabinieri condannati in appello a 13 anni
Costume / Cannabis gratis a domicilio: il rider che la distribuisce a chi ha un reddito basso
Cronaca / Milano, 12enne violentata e minacciata da un 20enne conosciuto su Instagram
Cronaca / Riccione, preside vieta i tacchi a scuola: “Troppe cadute, vogliamo tutelarci”
Cronaca / Il calendario della riaperture delle spiagge, regione per regione
Cronaca / Nel 2020 in Italia 96mila madri hanno perso il lavoro