Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Il primario del Sacco lancia l’allarme: “Gli ospedali di Milano sono al collasso, se continua così le persone moriranno in casa”

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 28 Ott. 2020 alle 15:45
184
Immagine di copertina

Covid, il primario del Sacco: “Ospedali di Milano al collasso, la gente morirà in casa”

“Gli ospedali di Milano sono al collasso, se continua così la gente morirà in casa”: a lanciare l’allarme sulla difficile situazione dei nosocomi meneghini, ormai quasi saturi a causa dell’epidemia di Covid, è Maurizio Viecca, primario di cardiologia del Sacco di Milano. “Non c’è più posto per i pazienti – dichiara Viecca all’Agi – Avanti così, si rischia di morire in ambulanza o in casa, come accadeva in primavera”. Secondo il medico bisogna intervenire immediatamente con misure ancora più stringenti in Lombardia e soprattutto a Milano dove la percentuale di positivi al tampone è salita al 17%.

“La crisi degli ospedali non dipende tanto dai posti liberi o meno, ma dalla mancanza di personale. Tanti operatori sanitari si sono ammalati, in percentuali che in primavera non si era riscontrate perché a Milano il virus circolava meno” afferma ancora il primario. Secondo Viecca, quindi, bisogna adottare subito delle soluzioni che permettano di evitare scenari ancora peggiori. “Occorre immediatamente ridurre i contatti, sui mezzi pubblici anzitutto. Si deve aprire l’Area C a Milano, si devono utilizzare pulmann privati a uso turistico. E poi ci vogliono i controlli delle forze dell’ordine. Se il 95% delle persone utilizzasse mascherine a norma, avremmo migliaia di morti in meno e il lockdown sarebbe risolutivo e breve, come dimostra uno studio dell’Università di Whashington”.  Secondo Viecca “Il controllo dell’utilizzo delle mascherine e le sanzioni per chi non le indossa o le indossa scorrettamente è per le istituzioni un dovere sociale ma anche morale”.

Leggi anche: 1. Covid, il direttore dell’Ema Guido Rasi: “Improbabile un vaccino a Natale. Ci vorrà un anno per immunizzare tutti e tornare alla normalità” / 2. Covid, Alberto Zangrillo: “Folla nei pronto soccorso? Il 60% dei pazienti sono codici verdi, non c’è il disastro in questo momento” / 3. Galli a TPI: “A Milano la situazione è sfuggita di mano. Coprifuoco? Ormai è tardi”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

184
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.