Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Crisanti: “Immunità di gregge ad agosto-settembre”. La svolta nella lotta al Covid arriverà a fine estate

Immagine di copertina
Andrea Crisanti. Credits: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Covid, Crisanti: “Verso immunità di gregge ad agosto-settembre’

L’immunità di gregge dal Covid dovremmo raggiungerla intorno alla fine dell’estate. Un punto di svolta nella lotta alla pandemia. “Finalmente è una previsione realistica. Gli esperti hanno detto sempre tra fine agosto e settembre, quindi penso che a quel punto saremo vicini all’immunità di gregge”. Concorda con questo scenario Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova e docente di Microbiologia dell’ateneo cittadino, intervenuto nel programma tv “Agorà” su Rai3.

Attenzione, però: “L’immunità di gregge non significa che la trasmissione” virale “è bloccata – ha ribadito il virologo – Significa che si possono eliminare determinate restrizioni tenendo basso l’indice di trasmissione” Rt. Secondo Crisanti “ormai è impossibile eliminare il virus” del Covid-19, che “si è talmente radicato. Siamo riusciti finora a eliminare con il vaccino un solo patogeno, il vaiolo, e siamo quasi al limite per eliminare la polio, ma ci sono voluti decenni e decenni di vaccinazioni. Quindi non è realistico pensare che questo virus lo eliminiamo”.

Se non riusciremo a eliminare Sars-CoV-2, però “potremo controllarlo abbattendo la letalità“, precisa il virologo. “L’allarme sociale della pandemia – sottolinea infatti Crisanti – è legato al numero dei morti, quindi se si riesce a diminuire la letalità sicuramente riusciamo a riportare questa malattia in un perimetro accettabile da un punto di vista sociale”.

“Allo stesso tempo dobbiamo fare una sorveglianza sulle varianti – esorta l’esperto – Perché se finora è vero che alcuni vaccini non proteggono contro l’infezione, ma proteggono contro le complicazioni più gravi, è possibile che il virus vari ancora e diventi ancora più aggressivo. Ormai siamo entrati in quella che si chiama giostra evolutiva del virus: dobbiamo purtroppo cercare di inseguirlo, come si fa con il virus dell’influenza”.

Un vero “miglioramento” sul fronte dei morti e dei ricoveri da Covid-19 “arriverà quando avremo vaccinato l’80-90% delle persone di età superiore ai 65 anni. Allora sì vedremo un drammatico calo della letalità e avremo raggiunto l’equilibrio di accettabilità sociale della malattia”. Questo il traguardo prioritario da raggiungere secondo Andrea Crisanti.

Chi si è ammalato di Covid è protetto almeno per una decina di mesi. Quindi chi ha avuto l’infezione non deve avere l’ansia di vaccinarsi immediatamente. Può tranquillamente aspettare”, ha poi spiegato Crisanti, anticipando i risultati del suo ultimo studio, in pubblicazione, sull’immunità post-Covid. Una ricerca condotta sugli abitanti di Vo’ Euganeo, centro veneto divenuto ormai un laboratorio a cielo aperto per le ricerche sul Coronavirus pandemico.

“Ovviamente – ha sottolineato il direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova e docente di Microbiologia dell’ateneo cittadino – non siamo oggi nella situazione di fare il test anticorpale a tutti prima della vaccinazione, perché non abbiamo le risorse e, inoltre, questo rallenterebbe in maniera drammatica tutto il processo di vaccinazione. Quindi penso che sia giusto seguire la raccomandazione: facciamo il vaccino a tutti”. Ma “chi ha avuto l’infezione recentemente aspetti dai 3 ai 6 mesi a seconda dei protocolli nazionali“, ha aggiunto Crisanti, precisando che il suo studio ha evidenziato che alcune persone “possono essere protette anche con livelli bassi di anticorpi”. La protezione, quindi , “non dipende dal livello degli anticorpi”.

Durante la pandemia di Covid-19 “sicuramente le Regioni hanno dimostrato tutta la fragilità di questo sistema“, così com’è adesso organizzata la gestione della sanità in Italia. “Di fronte a un’emergenza nazionale non si può andare avanti con ognuno che fa come gli pare“, ma serve unità sull’obiettivo prioritario che è quello di vaccinare, chiosa poi Crisanti.

Secondo il virologo, “bisogna prendere esempio dagli inglesi: unirsi, superare le difficoltà e poi fare i conti, perché per vaccinare mezzo milione di persone al giorno ci vuole uno sforzo di tutti”, precisa. “Penso che il problema principale a questo punto sia di vaccinare più persone possibili. Vacciniamole, coinvolgiamo tutti”, è l’invito di Crisanti. “In Inghilterra hanno reso obbligatorio ai medici di famiglia e ai pediatri di vaccinare; hanno mobilitato infermieri, studenti di Medicina, specializzandi, nessuno escluso. Così bisogna fare”, avverte l’esperto.

Leggi anche: 1. A Pasqua non si può uscire dalla Regione ma si può andare all’estero per turismo: ecco in quali Paesi e le regole; // 2. Crisanti: “Gli anticorpi dei guariti Covid resistono tra 9 e 10 mesi”. I primi risultati dello studio su Vò; // 3. Covid, possibili allentamenti delle misure dopo la metà di aprile: tutto dipenderà dai dati;

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.377 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1%
Cronaca / Papa Francesco: “Alcuni mi volevano morto, preparavano il conclave”
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.377 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1%
Cronaca / Papa Francesco: “Alcuni mi volevano morto, preparavano il conclave”
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Cronaca / Feltri difende Barbara Palombelli: “Sui femminicidi ha ragione”
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti