Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Scuola, il governo tira dritto: “Si torna in classe il 10 gennaio”. I dubbi di presidi e governatori

Immagine di copertina

Covid, sulla scuola il governo tira dritto: “Si torna in classe il 10 gennaio”

“Abbiamo assunto la responsabilità di tornare in presenza, questa è la chiave di volta di questo governo”: lo ha dichiarato nei giorni scorsi il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi confermando, di fatto, il rientro a scuola tra il 7 e il 10 gennaio, così come già stabilito dai calendari regionali.

Nonostante l’aumento esponenziale dei casi di Covid, causati soprattutto dalla variante Omicron, l’esecutivo tira dritto e fa sapere di non avere nessuna intenzione di rimandare il rientro in classe, così come suggerito da alcuni governatori, ma anche da esperti e presidi.

Nella giornata di lunedì 3 dicembre, infatti, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha proposto di rinviare di almeno 20/30 giorni la riapertura delle scuole in presenza al fine di “raffreddare il picco di contagio”: ipotesi avallata anche da Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, secondo cui “non sarebbe una tragedia” se le scuole riaprissero a febbraio, proponendo, inoltre, di fornire agli studenti un test fai da te per controllarsi da soli prima del rientro in aula.

I presidi, intanto, sono sul piede di guerra e sottolineano come gli screening di massa promessi dal generale Figliuolo prima dell’inizio della scuola dopo le festività natalizie non siano praticamente iniziati così come la distribuzione delle mascherine Ffp2.

Scartata l’ipotesi di mettere in Dad solo gli studenti non vaccinati, il governo valuta l’opzione di mettere le classi in Didattica a distanza dopo 3 o 4 contagi, ma anche di regole diverse a seconda attraverso le differenziazione tra scuole dell’infanzia, primaria e secondaria.

Su questo punto una decisione potrebbe essere presa dalla Commissione Salute, che si riunisce nel corso della giornata di martedì 4 dicembre.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”