Coronavirus, a Brescia in 3 settimane l’88% dei morti in più. I veri numeri dell’epidemia al Nord

Il Sistema di sorveglianza della mortalità del ministero della Salute ha raccolto i dati delle anagrafi dei comuni: in 3 settimane a Milano quasi 300 morti in più rispetto a quelli attesi, a Brescia 100

Di Anna Ditta
Pubblicato il 31 Mar. 2020 alle 09:06
25
Immagine di copertina
Medici e infermieri al lavoro senza sosta nel reparto di terapia intensiva passato da 5 a 17 letti per curare i pazienti covid all' ospedale di Vizzolo Predabissi, 24 Marzo 2020. Ansa/Andrea Canali

Coronavirus, a Brescia in 3 settimane l’88% dei morti in più. I veri numeri dell’epidemia al Nord

Oltre ai numeri forniti quotidianamente dai bollettini della Protezione Civile, a darci l’idea delle conseguenze dell’epidemia di Coronavirus in Italia sono i dati delle anagrafi dei comuni del Nord Italia. Queste cifre vengono raccolte dal Sistema di sorveglianza della mortalità del ministero della Salute, gestito dal Dipartimento di epidemiologia del Lazio, che da anni misura l’indice dei morti in 33 città campione.

“L’eccesso di mortalità è calcolato come differenza tra la mortalità osservata e quella attesa, utilizzando come dato di riferimento la serie storica dei 5 anni precedenti”, ha spiegato la direttrice del Dipartimento Marina Davoli a Repubblica. Lo studio valuta i decessi fino a una decina di giorni fa, ma più avanti i numeri sui morti forniti dalle anagrafi permetteranno di capire il reale impatto dell’emergenza Coronavirus.

Dai dati risulta che in 21 giorni sono stati quasi cento i morti in più a Brescia rispetto a quelli attesi sulla base del confronto con gli anni precedenti: i decessi avrebbero dovuto essere 112, e invece sono stati 210 (l’88 per cento in più). A Milano sono stati 300 in più, 1.102 contro le 813 attese (+36 per cento). Percentuale simile anche a Genova, dove i morti sono stati il 38 per cento in più rispetto a quelli attesi. A Bolzano i morti sono stati il 34 per cento in più, a Torino il 16 per cento. I dati non sono drammatici a Bologna (+11 per cento) né a Venezia (7 per cento in più) e a Verona (+12 per cento). A Roma la situazione è rimasta stabile, come anche nelle città del Sud Italia.

Leggi anche: 1. Coronavirus: ecco quando si azzererà il contagio, regione per regione /2. Coronavirus, Matteo Renzi a TPI: “Non mi rimangio nulla, la pandemia rischia di diventare carestia”

3. Lombardia, con la sanità pubblica in tilt chi vuole operarsi (e ha i soldi) si rivolge ai privati: così si alimenta il mercato nero della salute /4. Gori: “Le bare di Bergamo sono solo la punta di un iceberg, i nostri morti sono quasi tre volte quelli ufficiali”

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

25
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.