L’infettivologo Bassetti: “Secondo i primi test, il 15% delle persone è già immune al virus”

Sono questi i risultati degli esami eseguiti su soggetti non sintomatici tra Liguria e Lombardia

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 15 Apr. 2020 alle 20:37
1.9k
Immagine di copertina
Test Credits: Ansa

Una delle prerogative per la riapertura e la fase due è il test sierologico, che potrà valutare l’immunità al Coronavirus. In attesa della procedura per il test rapido su scala nazionale, alcune regioni come la Liguria e la Lombardia stanno già effettuando degli esami sugli asintomatici. Il professor Matteo Bassetti è il direttore della Clinica di Malattie Infettive dell’ospedale San Martino di Genova e spiega che i primi risultati sono sorprendenti: “Su alcune migliaia di test sierologici eseguiti su persone non sintomatiche la percentuale di positivi al Covid 19 è molto più alta di quella che pensassi. Siamo oltre il 10 per cento, diciamo verso il 15 e alcuni segnali mi fanno pensare a percentuali anche maggiori”.

Questi valori degli asintomatici rimetterebbe in discussione alcune stime del bollettino: “Questo cambia molte cose – spiega Bassetti – Dalla letalità (decessi sui contagiati), che così sarebbe molto più bassa, a tutti gli altri indici: la mortalità (decessi sulla popolazione complessiva), l’indice di ospedalizzazione, anche quello di gravità”.

Secondo l’infettivologo, per affrontare la Fase 2 in sicurezza, c’è “la necessità di andare il più rapidamente possibile a uno screening di massa, diciamo qualche centinaia di migliaia di persone, che ci dica quanti sono davvero i contagiati, dove sono, quanti anni hanno, cosa fanno nella vita”.

Come? Genova propone test sierologici (rapidi e non), intrecciati ai tamponi. In modo da diminuire anche il tasso di errore. “I test rapidi – dice l’esperto – si possono fare anche con banchetti per strada presidiati da personale sanitario. Danno risultati in dieci minuti e dicono se la persona ha sviluppato gli anticorpi e, dunque, è entrato in contatto con il Covid 19. Il tampone a quel punto serve a capire se la malattia è ancora in corso e se è contagiosa. Credo che la gente, con il desiderio diffuso di sapere se il virus ci ha toccati, si presterebbe volentieri. Comunque, al di là dei modi, è necessario partire al più presto con uno screening attendibile”.

Leggi anche:

1. Cosa faranno gli italiani una volta finito il lockdown? Il 43% vorrebbe andare a cena fuori / 2. Garattini risponde a Boccia: “Non si può chiedere aiuto alla scienza dopo che la ricerca è stata ridotta in miseria” / 3. “Ecco come cambieranno i concerti, i cinema e i teatri”

4. Termoscanner e test sierologici: come cambierà la nostra vita dal 4 maggio / 5. La Regione Lombardia pubblicizza i successi della sua sanità privata. Davanti a 11mila morti (di G. Cavalli) / 6. “Quarantena a singhiozzo fino al 2022. Possibili nuove ondate di contagi fino al 2025”, lo studio di Science

7. 600 euro per le partite Iva? Altro che helicopter money, il Governo italiano non ha capito cosa sta succedendo / 8. Bonus 600 euro, il nuovo decreto cambia le regole: domande da rifare, ecco i nuovi requisiti / 9. Anche 353 notai hanno chiesto il bonus di 600 euro

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

1.9k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.