Covid ultime 24h
casi +25.853
deceduti +722
tamponi +230.007
terapie intensive +32

Coronavirus, a Napoli e Genova strade piene di gente nonostante i divieti | FOTO E VIDEO

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 4 Apr. 2020 alle 08:41 Aggiornato il 4 Apr. 2020 alle 09:00
4.8k
Immagine di copertina
Una veduta di via Sestri affollta di persone che fanno la spesa, Genova, Genova, 03 Aprile 2020. Credit: 2020. ANSA/LUCA ZENNARO

Coronavirus, a Napoli e Genova strade piene di gente | FOTO E VIDEO

Stanno facendo molto discutere le immagini girate a  Napoli e Genova che mostrano le strade piene di gente nonostante le restrizioni imposte dall’emergenza Coronavirus. Le limitazioni imposte da Governo e Regioni sembra stiano portando i primi risultati in termini di calo dei nuovi contagi: si può uscire di casa solo per ragioni di salute o lavoro o per fare la spesa e molto probabilmente alcune delle persone ritratte in queste foto e video sono in strada per motivi diversi. In Italia negli ultimi giorni si è registrata una nuova impennata delle violazioni: tra giovedì 2 e venerdì 3 aprile le forze dell’ordine hanno fatto quasi 15mila multe. In otto giorni sono stati 43.558 i multati e 354 denunciati per epidemia. Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha duramente commentato le foto scattate in via Sestri a Genova: “Così proprio non ci siamo. Vorrei chiedere a questi sconsiderati cittadini se davvero ognuno di loro ha un buon motivo per essere lì. Fare la spesa, andare a comprare un giornale non può essere il pretesto per fare quattro passi al sole. È un comportamento irresponsabile, da idioti”.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong / 2. Uno scudo penale per il Coronavirus: nel decreto Cura Italia spunta l’emendamento PD per sanare le responsabilità politiche / 3. Borrelli dà i numeri (e sbaglia). Meglio tacere (di Luca Telese)

4. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 5. Gori: “Le bare di Bergamo sono solo la punta di un iceberg, i nostri morti sono quasi tre volte quelli ufficiali” / 6. Coronavirus Anno Zero, quel 23 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo: così Bergamo è diventata il lazzaretto d’Italia

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

4.8k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.