Coronavirus, secondo gli esperti il virus ha subito già tre mutazioni: “Ecco perché in Lombardia si muore più che in Veneto”

La preoccupazione degli esperti, tuttavia, è che il virus possa mutare ancora e diventare ancora più letale

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 17 Mar. 2020 alle 13:53 Aggiornato il 17 Mar. 2020 alle 15:32
2.6k
Immagine di copertina

Coronavirus, il virus ha subito tre mutazioni: “Il ceppo lombardo più letale di quello Veneto”

Il Coronavirus ha subito fino ad ora tre mutazioni che hanno reso il cosiddetto ceppo “lombardo” più letale del virus che invece si è diffuso in Veneto, dove la mortalità, infatti, è inferiore. Lo sostengono alcuni degli esperti che stanno studiando il Covid-19. Secondo i ricercatori dell’ospedale Sacco di Milano e quelli dell’Università Campus biomedico di Roma, il virus “italiano” ha subito già tre mutazioni rispetto a quello che si è diffuso a Wuhan, in Cina, agli inizi di dicembre. Interpellato di recente sull’argomento, l’Istituto Superiore di Sanità ha ammesso che si sono verificate delle piccole mutazioni, ma che il virus è sostanzialmente rimasto identico a quello di Wuhan. Eppure, sul suolo italiano, le mutazioni, seppur piccole, sembrerebbero aver fatto la differenza.

Coronavirus, Bergamo: così vengono curati i pazienti, sistemati anche nei corridoi

A dimostrazione di ciò ci sarebbe, secondo gli studiosi, il diverso andamento tra le due regioni dove è iniziata l’epidemia di Coronavirus: la Lombardia e il Veneto, con i rispettivi focolai di Codogno e Vo’ Euganeo. Nel Veneto, infatti, la situazione sembra essersi stabilizzata con, così come dimostrano i numeri analizzati dal Corriere del Veneto, un tasso di positivi del 36.2 per 100mila abitanti e un indice dei ricoveri del 9.9 (con un 2.4 per i ricoveri in terapia intensiva). In Lombardia, invece, i contagi salgono a 90 per 100mila abitanti, con un 56 di ricoveri e soprattutto un 7.3 di degenze in rianimazione.

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

A preoccupare gli esperti, tuttavia, è il fatto che il virus possa mutare ulteriormente, diventando ancora più mortale. Secondo il professor Massimo Ciccozzi, che coordina il team romano che sta studiando il virus, “La preoccupazione è che, di mutazione in mutazione, possa peggiorare non tanto la contagiosità quanto la letalità del Covid-19”. “Ma i nostri studi dovranno dimostrarlo” aggiunge Ciccozzi.

Leggi anche: 1. Il paradosso dei tamponi per il Coronavirus: se un calciatore è positivo fanno test a tutta la squadra, ma non ai medici in prima linea /2. Mascherine gratis per tutti: l’azienda italiana tutta al femminile che ha convertito la produzione industriale per il Coronavirus

2.6k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.