Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

Coronavirus, in Italia fine quarantena a giugno e luglio? L’esperto Vespignani: “Non illudiamo la gente”

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 5 Apr. 2020 alle 12:55
39k
Immagine di copertina
Credit: ANSA/ANDREA FASANI

Coronavirus, in Italia fine quarantena a giugno e luglio? “Impossibile”

L’Italia alle prese con l’emergenza Coronavirus non può pensare di tornare alla normalità a giugno o luglio. L’avvertimento arriva da Alessandro Vespignani, 55 anni, fisico informatico, direttore del Laboratory for the modeling of biological and socio-technical Systems alla Northeastern University di Boston e considerato uno dei massimi esperti mondiali di epidemiologia computazionale.

“Dobbiamo cominciare a dire agli italiani una verità scomoda”, dice Vespignani in una intervista al Corriere della Sera. “Mi rendo conto che è difficile farlo con un Paese praticamente in ginocchio, ma non possiamo illuderci di tornare alla completa normalità a giugno o a luglio”. Secondo l’esperto, in questa fase della lotta contro il Coronavirus l’Italia dovrebbe dotarsi di una “infrastruttura di controllo”: l’ esempio è quello della Corea del Sud. “Dovremo essere in grado di mantenere le cautele necessarie di distanza sociale, ma soprattutto di tracciare i casi positivi, eseguire i test per isolare le possibili persone infettate. Occorre essere in grado di fare i tamponi porta a porta”, sottolinea Vespignani.

“Per un lungo periodo, per esempio, viaggiare non sarà più come prima”, spiega. “Dobbiamo mettere in conto che prima di entrare in un altro Stato saremo costretti a fare la quarantena, a fornire determinate garanzie sanitarie e così via”. Quanto al trend della pandemia in Italia, secondo l’esperto “non dobbiamo seguire i numeri giorno per giorno, ma almeno su base settimanale”. “In ogni caso la curva dell’ Italia è in frenata e sta cominciando la discesa, come si vede dai dati che arrivano dagli ospedali, dove si stanno liberando posti. E questa è la cosa importante”, dice Vespignani. Ma “non è il momento di rilassarsi”. “Dobbiamo, invece, insistere. Abbiamo davanti l’esempio della Cina. Lì il lockdown è durato tre mesi”.

Leggi anche: 1. Borrelli dà i numeri (e sbaglia). Meglio tacere (di L. Telese) / 2. Gente che muore aspettando i tamponi, assessori che minimizzano: il disastro Basilicata nella lotta al virus (di S. Lucarelli) / 3. Perché Alzano Lombardo e Nembro non sono state chiuse il 2 marzo? (di G. Gambino)

4. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 5. Caos tamponi al Sant’Andrea di Roma, la denuncia dei medici a TPI: “Alcuni vanno persi e la risposta è lentissima. E intanto continuano i contagi” / 6. “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong

7. Coronavirus, il Governo lavora alla Fase 2: ecco come e quando usciremo di casa / 8. La gente è tornata in strada ed è un grave problema: 15mila multe in 48 ore / 9. “In Basilicata va tutto bene”: surreale intervista al portavoce del governatore Bardi (di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

39k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.