Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Morto un altro medico a Brescia: era rientrato dalla pensione per aiutare contro il Coronavirus

 

Coronavirus, morto a Brescia il medico Fasoli: era rientrato dalla pensione

La triste lista dei medici deceduti in Italia a causa del Coronavirus è giunta già a quota 20: tra i nomi dei dottori che non hanno esitato a restare tra i malati pur di dare il loro contributo, c’è anche quello di Gino Fasoli, morto lo scorso 14 marzo. La storia del medico abruzzese, 73 anni, è però diversa dalle altre: perché lui, dopo una vita passata in corsia, da qualche tempo era riuscito a entrare in pensione. Nonostante ciò, era tornato a indossare il camice bianco quando alcuni colleghi hanno chiesto il suo aiuto a causa del Covid-19.

Fasoli aveva così ripreso servizio in un ambulatorio nel Bresciano, vicino a Passirano, la cittadina in cui abitava. In un periodo in cui molti medici sono stati spostati in ospedale per rispondere all’emergenza, mentre altri si sono ammalati, il 73enne aveva accettato di dare una mano dove serviva. Tuttavia, il medico abruzzese è stato contagiato dal Coronavirus. Ed è morto il 14 marzo scorso all’Istituto clinico San Rocco a Ome.

Fasoli non si era mai sposato. Da giovane aveva indossato per anni la tonaca francescana. Poi la decisione di studiare medicina e dedicare così la sua vita alla cura dei pazienti: aveva lavorato in Italia (era stato anche direttore sanitario del pronto soccorso di Bornato, sempre nel Bresciano), ma aveva anche fatto esperienze di volontariato all’estero, soprattutto in Africa. In Somalia, anni fa, venne addirittura rapito.

Lascia un fratello, più piccolo di tre anni, che vive a Sulmona e che, interpellato dal Corriere della Sera, ha raccontato l’evoluzione del contagio del medico. “Il 6 – ha dichiarato il fratello – mi aveva detto di non stare troppo bene, ma niente di grave, solo un mal di testa e una febbricciola. Gli ho telefonato il 10 per chiedergli come stesse e lui, con un filo di voce, mi ha risposto così: “Non riesco a parlare”. E ha riappeso. Da allora non sono più riuscito a sentirlo. All’indomani degli amici lo hanno fatto trasferire in ospedale. Dopo che è risultato positivo al tampone lo hanno intubato. E alle 8 in punto del 14 mi hanno chiamato dall’ospedale per dirmi che era morto”.

Il fratello, però, nello sconforto ha anche denunciato il fatto che Fasoli abbia ricevuto “una sola mascherina” durante tutto il periodo in cui si è rimesso in servizio per contrastare il Coronavirus. “A fine febbraio mio fratello mi disse che gli avevano dato finalmente una mascherina. “Una al giorno?”, gli chiesi. “No, una e basta”, fu la sua risposta”. “Gino – ha concluso il fratello – era così, un generoso. Per questo è tornato in ambulatorio, entusiasta di dare una mano ai colleghi in un momento terribile”.

Leggi anche:

1. Coronavirus, situazione drammatica in Spagna: pazienti stesi sul pavimento dell’ospedale | VIDEO / 2. Lei in quarantena, lui in ospedale. La lettera d’addio è affidata ai volontari della Croce Rossa / 3. L’epidemia potrebbe durare fino ad agosto: trascorreremo l’estate in casa?

4. “Pensavo che a me non sarebbe mai successo”: parla una delle prime contagiate dal Coronavirus / 5. Una nuova ricerca rivela che il Coronavirus è entrato in Italia in due momenti diversi: “È la prova che non siamo gli untori d’Europa” / 6. Coronavirus, la duplice battaglia di un malato di tumore

TUTTE ULTIME LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Cronaca / Da lunedì al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”
Cronaca / Covid, oggi 17.030 casi e 74 morti: tasso di positività al 2,9%