Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Il Covid figlio del demonio”. Ma il complottismo del direttore di Radio Maria non fa affatto ridere

Immagine di copertina

“Il vaccino è stato prodotto in laboratorio, è un colpo di Stato sanitario”. Alla fine – e forse inevitabile – irrompe sulla scena della pandemia italiana anche il complottista apocalittico. E questo scuotimento di viscere, questa onda di rabbia si esprime come un terremoto, attraversa i social, si muta in invettiva estrema, si declina nella lingua antica di un nuovo Savonarola.

Ancora una volta, a far fuoco a queste polveri sulfuree è la voce di Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria, che in un suo intervento (pronunciato l’11 novembre, ma diventato virale solo in queste ultime ore) inanella una serie di perle inquietanti: “Vi dico come la penso: questa epidemia è un progetto per colpire l’Occidente”. E subito dopo, già salendo di tono: “Io il Covid l’ho sempre attribuito al demonio, che agisce attraverso gli uomini e quindi delle menti criminali, che l’hanno realizzato con uno scopo ben preciso: creare un passaggio repentino per attuare una specie di colpo di Stato sanitario”.

Vi confesso che io queste parole non le prendo alla leggera, ma le studio e le pondero. Il Coronavirus, dunque, secondo questa invettiva avrebbe un’origine artificiale e una finalità liberticida ben precisa. E coloro che lo hanno “liberato” sarebbero mossi da propositi addirittura demoniaci. Nella sua rubrica – infatti – Fanzaga esprime la sua acuminata opinione senza giri di parole: “Io – dice il microfono di RadioMaria – vedo un’umanità allo sbando, che dà l’impressione della torre di Babele, con progetti fallaci, con parole d’ordine campate per aria. ‘Nave senza nocchiero in tempesta’, direbbe Dante. Un’umanità senza Dio è un’umanità in balia del diavolo. Io questo vedo – aggiunge padre Livio – un’umanità allo sbando con un futuro incerto. Per riempire questo vuoto ci propongono salvezze ridicole: giù miliardi, ed il vaccino salverà tutti”.

È proprio a questo punto del ragionamento che Padre Livio contamina la sua lingua biblica con quella più moderna della rete per affondare i suoi sospetti nel più classico scenario complottistico: “A livello religioso – osserva – si è detto che l’epidemia non viene da Dio, e sono d’accordo, però sotto il profilo umano non si è voluto approfondire da dove viene questa epidemia. Ormai la narrativa è che viene dal mercato di Wuhan, qualcosa a cui non crede più nessuno. Nel mirino c’è questo laboratorio cinese, però io non escludo che la Cina potrebbe aver voluto testare un’arma biologica. Questa rimane un’ipotesi”.

E ovviamente anche sul virus padre Livio ne ha una sua: “Ho allargato un po’ i miei orizzonti. Vi dico quello che penso, cestinatelo pure, magari io stesso mi correggerò: la mia idea di fondo è che questa epidemia di Coronavirus è un progetto, non è casuale. Non viene dagli animali, e non è uscita per caso dal laboratorio di Wuhan. Per me l’epidemia è un progetto. È stata sviluppata, ed ha colpito soprattutto l’Occidente. Prima pensavo fosse la Cina, ora comincio a pensare che non sia solo la Cina. Sono venuto a sapere che questa epidemia è stata anticipata, 4 o 5 anni fa”, continua il religioso, che dulcis in fundo, coinvolge anche lui l’immancabile ombra di Bill Gates. “Una simulazione di questa epidemia era stata fatta prima che noi ne venissimo a conoscenza. Si era immaginato un’epidemia che partiva dal Brasile e colpiva tutto il mondo: questa era una simulazione fatta dalla fondazione Gates. Dico cose note. L’epidemia poi è arrivata esattamente come era stata simulata”. Cose “note” a chi? E provate in che modo, e da quali fonti? Inutile domandarselo.

Ovviamente la prima reazione é quella del sorriso. Ma la sottovalutazione sarcastica è una reazione sbagliata. La successiva deve essere più ponderata. Nel contesto delicato della seconda ondata, mentre serpeggiano per il paese un cocktail micidiale di disagio, sfiducia e rabbia per la crisi economica e per i prezzi da pagare per le chiusure imposte dalle zone rosse, il predicatore apocalittico 2.0 non viene necessariamente percepito come un folle. Ma diventa piuttosto – anche grazie alle ibridazioni antisistema della sua lingua polemica – opinione pop, una delle tante voci di fondo che si compongono nel caleidoscopio turbinante della percezione collettiva.

Al microfono di Dio e alla visione demoniaco-cospirativa non si può rispondere con una semplice alzata di spalle. Sono dentro un dramma, siamo parte di un dramma, le parti più fragili della popolazione sono esposte al disagio: la mutazione delle più classiche teorie del complotto in una lingua seduttiva, e proprio per questo più permeabile tra i creduli e gli scettici ci deve preoccupare. Se non altro perché il vaccino contro il virus con fatica prima o poi ci arriverà: mentre quello contro le paranoie alimentate dal virus, come ben sappiamo, non lo avremo mai.

Leggi anche: 1. “Il Covid era in Italia già a settembre 2019”: la scoperta dell’istituto tumori di Milano / 2. Sanità Calabria, Gino Strada: “Contatti con il Governo. Disponibile, ma chiedo garanzie” / 3. Esclusivo TPI – Calabria, la denuncia dell’ex primario: “Abbiamo un laboratorio per processare i tamponi, ma nessuno ci risponde”

4. Come sarà distribuito il vaccino anti-Covid in Italia? La bozza del piano del Ministero / 5. Sapevate che chi gioca a golf può muoversi liberamente in Italia nonostante il lockdown? / 6. Sassoli: “L’Europa deve cancellare i debiti contratti per il Covid. Il Mes? Così non lo prenderà nessuno”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / A Padova si celebra una messa per i single che vogliono trovare l’anima gemella
Cronaca / L’omogeneizzato comprato al supermercato era scaduto nel 2019: bimbo di 8 mesi all’ospedale
Cronaca / Covid, 1.147 nuovi casi e 35 morti nell'ultimo giorno
Ti potrebbe interessare
Cronaca / A Padova si celebra una messa per i single che vogliono trovare l’anima gemella
Cronaca / L’omogeneizzato comprato al supermercato era scaduto nel 2019: bimbo di 8 mesi all’ospedale
Cronaca / Covid, 1.147 nuovi casi e 35 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Imperia, somministrato per errore a due ragazze AstraZeneca anziché Pfizer
Cronaca / Migranti, Katia Ricciarelli: “Italiani non sono razzisti, ma questi arrivi incontrollati creano tensione”
Cronaca / Mix vaccini, Figliuolo: “Per la seconda dose 100mila persone hanno dubbi”
Cronaca / Saman Abbas, il fratello conferma in aula: “L’ha uccisa lo zio Danish Hasnain”
Cronaca / Messina, trasportavano droga con le ambulanze durante il lockdown: 8 arresti
Cronaca / Green Pass: cos’è, chi può richiederlo e come si ottiene
Cronaca / Novara, camion forza blocco durante una manifestazione: muore un sindacalista