Covid ultime 24h
casi +13.114
deceduti +246
tamponi +170.633
terapie intensive +58

Come leggere i dati Covid: cresce l’incidenza di ricoveri, terapie intensive e morti in Abruzzo e Molise

Di Anna Ditta
Pubblicato il 18 Feb. 2021 alle 12:26 Aggiornato il 24 Feb. 2021 alle 18:21
25
Immagine di copertina

Cresce l’incidenza di ricoveri, terapie intensive e morti degli ultimi 7 giorni in Abruzzo e Molise rispetto ai dati della scorsa settimana. I ricoveri su 100mila abitanti aumentano anche in Lombardia, Umbria e Trentino Alto Adige, mentre le terapie intensive crescono anche in Basilicata, Marche, Toscana, Umbria e nella provincia autonoma di Bolzano.

Ad evidenziarlo sono i grafici elaborati da TPI che mettono a confronto la situazione Regione per Regione. I grafici non partono dai dati assoluti – i numeri dei bollettini che vengono divulgati quotidianamente – ma da quelli relativi, calcolati sui 100mila abitanti, quindi emblematici, perché non influenzati dal numero degli abitanti delle diverse Regioni (qui i dati della scorsa settimana).

I dati Regione per Regione: ricoveri, terapie intensive e morti su 100mila abitanti

RICOVERI – Umbria, provincia autonoma di Bolzano e Piemonte guidano la lista dei ricoveri ogni 100mila abitanti. Il dato è in aumento rispetto ai 7 giorni precedenti in Abruzzo, Lombardia, Molise, Umbria e province autonome di Trento e Bolzano.

Restano stabili i ricoveri in Emilia Romagna, Marche e Toscana. Diminuisce l’incidenza dei ricoveri in Basilicata, Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Val d’Aosta, Veneto.

I dati dei ricoveri su 100mila abitanti (17.02.2021)

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

TERAPIE INTENSIVE – L’Umbria è in cima anche alla lista delle Regioni per numero di ricoveri in terapia intensiva ogni 100mila abitanti. L’incidenza delle terapie intensive aumenta in Abruzzo, Basilicata, Marche, Molise, Toscana, Umbria e nella provincia autonoma di Bolzano.

Stabile il dato in Campania. In calo invece nelle seguenti Regioni: Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta, Veneto e nella provincia autonoma di Trento.

I dati dei ricoveri in terapia intensiva su 100mila abitanti (17.02.2021)

MORTI – A registrare il record di incidenza di decessi nell’ultima settimana è ancora una volta il Friuli Venezia Giulia, dove si registra tuttavia un calo. Il numero di morti ogni 100mila abitanti negli ultimi 7 giorni cresce in Abruzzo, Molise, Sardegna, e provincia autonoma di Bolzano.

Stabile la situazione in Calabria. Si registra invece un calo nelle seguenti Regioni: Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto e provincia autonoma di Trento.

I dati dei decessi in 7 giorni su 100mila abitanti (Dal 10 al 17.02.2021)

I dati assoluti su ricoveri, terapie intensive e decessi Regione per Regione

I dati di una settimana fa Regione per Regione

I dati dei ricoveri su 100mila abitanti (10.02.2021)

I dati dei ricoveri in terapia intensiva su 100mila abitanti (10.02.2021)

I dati dei decessi in 7 giorni su 100mila abitanti (Dal 3 al 10.02.2021)

Una nuova rubrica per leggere i numeri del Covid

La nuova rubrica di TPI “Come leggere i numeri Covid” nasce dall’idea di selezionare alcuni dati salienti per comprendere meglio l’impatto della pandemia di Covid-19 in Italia. Abbiamo scelto di fornire solo pochi dati, una volta a settimana, in aggiunta rispetto al bollettino del ministero della Salute di cui diamo conto quotidianamente.

Si tratta dell’andamento di ricoveri, terapie intensive e decessi Regione per Regione su 100mila abitanti. In quanto proporzionati al numero di abitanti, questi numeri possono raccontare in modo più oggettivo la situazione delle singole regioni, dove il numero assoluto di casi o di positivi è naturalmente figlio del numero complessivo di abitanti.

Abbiamo deciso di lasciare da parte il numero dei nuovi casi perché questo dato è influenzato dal numero di tamponi eseguito in ogni regione. Un numero che, a sua volta, dipende dalle risorse e dalle singole capacità delle strutture regionali. I dati sono ricavati dalla rubrica “Numeri in pillole” di Paolo Spada su Pillole di Ottimismo, basata sui numeri forniti dal ministero. I grafici sono realizzati da TPI.

Leggi anche: 1. Vaccini, Zaia: “Ho ricevuto offerte per 27 milioni di dosi”. Ma ci sono dubbi su provenienza e affidabilità /2. Covid, sei Regioni rischiano l’arancione da venerdì /3. Aumenta la diffusione delle varianti in Italia. Zone rosse nelle Marche e in Lombardia /4. Covid, zona rossa nei weekend, arancione nei feriali: il piano B del governo in caso di risalita dei contagi

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

25
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.