Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Autoreggenti e tacchi a spillo: bambina travestita da prostituta, bufera dopo il bambino col pigiama a righe

Immagine di copertina

Nel Napoletano, genitori hanno deciso di far travestire la bambina con abiti da prostituta. La denuncia del consigliere regionale dei Verdi Borrelli

Il Carnevale napoletano continua a stupire, in negativo. Dopo il bambino vestito da piccolo deportato in un lager nazista, arriva la bambina travestita da prostituta. Parlare di cattivo gusto sembra riduttivo, nel caso dell’episodio denunciato in provincia di Napoli.

Nella foto diffusa sui social proprio dalla madre e dal padre della bambina, si vede lei con calze autoreggenti, tacchi a spillo e un vestito rosso provocante, che le copre appena il busto, per nulla appropriato all’età della piccola. A denunciare il fatto è Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.

Borrelli, nel corso di una trasmissione di Radio Marte, condotta da Gianni Simioli, ha affermato: “Nel napoletano il Carnevale sta diventando l’occasione per alcuni genitori di vestire i propri figli in modo estremamente discutibile. Dopo il bambino travestito da ebreo deportato giustificato dalla madre come una innocente goliardata a suscitare nuove polemiche è la bambina vestita da prostituta di cui i genitori hanno postato con orgoglio le foto su Instagram”.

E ha aggiunto ancora Borrelli: “Una scelta a nostro avviso non solo di pessimo gusto, ma anche diseducativa. Insomma ancora un travestimento fuori luogo e di pessimo gusto sbandierato sui social. La piccola, ovviamente, non ha nessuna colpa. La responsabilità di questa vergogna è dei genitori che troppo spesso ormai mettono in ridicolo i propri figli e sembrano usarli come giocattoli perdendo ogni senso della misura e del rispetto per la loro tenera età”.

Il caso del bimbo col pigiama a righe

Sempre per questo Carnevale 2019, a Napoli, un bambino è stato vestito con un pigiama a righe. Lo stesso del protagonista del film che porta lo stesso nome, deportato in un lager nazista durante la seconda guerra mondiale. Un costume che ha fatto discutere non poco.

A denunciare il fatto erano stati sempre Francesco Emilio Borrelli, insieme a Gianni Simiol: “Troviamo fuori luogo e di pessimo gusto che un dramma come la deportazione nei campi di sterminio nazisti possa diventare spunto per un travestimento di Carnevale”.

E ancora: “Possiamo affermare senza ombra di dubbio che vince il premio come peggiore maschera. Il piccolo, ovviamente, non ha nessuna colpa. La responsabilità di questa bruttissima immagine è dei genitori”. 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Treviso, uccisa a coltellate mentre prendeva il sole: l’assassino si è costituito
Cronaca / Covid, oggi 951 nuovi casi e 30 morti: il bollettino del 23 giugno
Cronaca / Ddl Zan, il testo della nota ufficiale inviata dal Vaticano all’ambasciata italiana
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Treviso, uccisa a coltellate mentre prendeva il sole: l’assassino si è costituito
Cronaca / Covid, oggi 951 nuovi casi e 30 morti: il bollettino del 23 giugno
Cronaca / Ddl Zan, il testo della nota ufficiale inviata dal Vaticano all’ambasciata italiana
Cronaca / Barbara D'Urso: "Ho paura, lo stalker è stato visto sotto casa mia"
Cronaca / Alessandra Mussolini a favore di adozioni gay e del ddl Zan: “Io e Luxuria ormai siamo amiche”
Cronaca / Consiglio di Stato annulla sentenza Tar e ordinanza sindaco: la produzione prosegue
Cronaca / I sandali, l’allarme dopo 9 ore e le tracce di sangue: cosa non torna nel ritrovamento di Nicola Tanturli
Cronaca / Perché c’è Spiderman alla messa del Papa
Cronaca / La madre di Nicola racconta la scelta di vita nei boschi: “Non volevo sfruttare né essere sfruttata”
Cronaca / “Appena ci ha visto si è messo a piangere”: le parole del giornalista che ha ritrovato Nicola