Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Carabiniere ucciso a Roma, il pusher: “I militari ci dissero ‘Non ce l’abbiamo con voi, tranquilli'”

Immagine di copertina

Un'altra versione sul caso

Carabiniere ucciso Roma, le parole del pusher

Spuntano nuove dichiarazioni e ricostruzioni dei fatti dalle persone coinvolte nel caso dell’omicidio di Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso a Roma la notte tra il 25 e il 26 luglio con 11 coltellate: a parlare in un’intervista rilasciata a Repubblica è il presunto pusher.

Italo Pompei è uno dei testimoni chiave di quanto accaduto a Trastevere nelle ore dell’uccisione del vice brigadiere ed è accusato da più parti di essere lo spacciatore che avrebbe dovuto fornire la cocaina per i due americani, cedendo poi tachipirina tritata in cambio dello stupefacente. Il suo racconto, evidenziano Marco Mensurati e Fabio Tonacci su Repubblica, va quindi contestualizzato con molta attenzione e va preso per quello che è, una versione di parte.

> Carabiniere ucciso a Roma, la mamma di Finnegan Lee Elder: “Sono distrutta, lui è un ragazzo riflessivo”

Stando al racconto del presunto pusher i carabinieri in borghese, Cerciello Rega e il collega, seguivano i due ragazzi americani e i loro due accompagnatori, Sergio Brugiatelli e tale Medi, già da un po’ di tempo, probabilmente dalla vicina piazza Trilussa, la piazza dello spaccio a Trastevere e il primo controllo non sembrava essere un controllo antidroga, perché nessuno è stato perquisito, né sono state cercate sostanze stupefacenti in terra. Inoltre, emergerebbe che Cerciello e Medi si conoscevano.

Il racconto del pusher: “I carabinieri ci dissero ‘Non ce l’abbiamo con voi, tranquilli'”

Innanzitutto Pompei dice di non essere stato chiamato da Brugiatelli, che si trovava in compagnia dei ragazzi americani: “La verità è che ci siamo incrociati per caso e che io non avevo niente con me”, “Più tardi mi sono accorto che avevo un paio di chiamate sul telefono da un numero che non conoscevo. Ma non ho risposto. E non avevamo alcun appuntamento”.

Per quanto riguarda il controllo dei carabinieri il presunto pusher ha detto: “Sono arrivati i carabinieri in borghese su un Honda Sh e ci hanno detto, ‘buona sera, che state a fa?'”. Pompei era con Tamer, un suo amico, Medi, Brugiatelli e uno dei due americani. Dice di non aver visto l’altro giovane e di non aver fatto in tempo a capire cosa volevano Brugiatelli e il ragazzo.

> Carabiniere ucciso a Roma, il padre di Natale-Hjort: “Lui non sapeva del coltello”

“I carabinieri in borghese sono arrivati subito. A sentire Medi, li stavano seguendo da Piazza Trilussa. E appena quello (l’americano, ndr ) li ha visti è fuggito. Due carabinieri sono rimasti con noi, gli altri, non ricordo quanti erano, si sono lanciati all’inseguimento. Ma sono tornati indietro dopo poco. Io allora ho detto: ‘Oh, io con quello non c’entro niente, sono pulito se volete perquisitemi pure’. So come vanno certe cose…”.

E ancora: “Non ci hanno perquisito. ‘Non ce l’abbiamo con voi… tranquilli…’. Testuale. Spero che i carabinieri non si scordino di queste parole. Anche se sono certo che Tamer, il mio amico, lo può testimoniare. Comunque, hanno detto così, e poi se ne sono andati”. Senza cercare niente in terra? “No. Per questo ho pensato da subito che non fosse un’operazione anti droga, che cercassero altro”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, il candidato del centrodestra Bernardo si sfoga con gli alleati: “Finanziate la campagna o mi ritiro”
Cronaca / Gkn, oltre 20.000 persone partecipano alla manifestazione contro i licenziamenti a Firenze
Cronaca / Ennesima tragedia sul lavoro in Toscana: operaio muore schiacciato da un rullo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, il candidato del centrodestra Bernardo si sfoga con gli alleati: “Finanziate la campagna o mi ritiro”
Cronaca / Gkn, oltre 20.000 persone partecipano alla manifestazione contro i licenziamenti a Firenze
Cronaca / Ennesima tragedia sul lavoro in Toscana: operaio muore schiacciato da un rullo
Cronaca / 4.578 nuovi casi e 51 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Omicidio Willy, la vita dei fratelli Bianchi in carcere: “Un chiodo nel dentifricio, sputi nel piatto e minacce”
Cronaca / Berlusconi vuole il Quirinale: l’incontro con Renzi in Sardegna per avere i voti di Italia Viva
Cronaca / Napoli, bambino di 4 anni caduto dal balcone: fermato il domestico per omicidio
Cronaca / Cannabis, è stata raggiunta la soglia per il referendum: raccolte 500mila firme
Cronaca / C’è un farmaco per animali che avvelena: la Sardegna e una leghista l’hanno suggerito come cura anti-Covid
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani