Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Campobasso, fa uso di cocaina a soli 13 anni

Immagine di copertina

A soli 13 anni una ragazzina a Campobasso, in Molise, è stata trovata positiva ai test sulla cocaina.

I genitori della giovane da tempo sospettavano che qualcosa non andasse nella figlia, che mostrava comportamenti che i familiari non riuscivano a spiegarsi.

I risultati delle analisi a cui hanno sottoposto la figlia non erano certo quelli che la famiglia si aspettava: si è infatti scoperto che la 13enne faceva uso di cocaina nonostante la giovanissima età.

A dare la notizia sono stati gli stessi inquirenti coinvolti nelle indagini. A margine di una conferenza il dirigente della Squadra mobile di Campobasso, Raffaele Iasi, ha anche ribadito l’impegno di tutte le forze dell’ordine nel controllare il territorio ed evitare che altri ragazzi inizino a drogarsi.

“Bisogna agire tutti insieme, scuola e famiglia in primis, per cercare di arginare un fenomeno devastante e che provoca morte”, ribadiscono le forze dell’ordine.

Il caso di Campobasso purtroppo non è isolato: di giovani che iniziano a fare uso di stupefacenti già dai 12-13 anni si sente parlare sempre più spesso, evidenziando così un problema che è giunto il tempo di affrontare.

La droga in Italia – L’ultimo “Libro bianco sulle droghe” ha evidenziato come in soli due anni il consumo di stupefacenti tra gli adulti sia raddoppiato, ma il dato più preoccupante è quello che riguarda i minorenni: il consumo in tenera età è addirittura quadruplicato.

Analizzando invece la classifica europea relativa il consumo di droghe si nota come l’Italia sia al secondo posto. Il fenomeno, come detto, riguarda principalmente i minorenni, che nella maggior parte dei casi iniziano ad assumere stupefacenti all’età di soli 12 anni.

>Toscana: bambina inizia a sniffare cocaina, adesso è in cura in un Sert
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: la grave forma della malattia raddoppierebbe il rischio di morte anche 12 mesi dopo la guarigione
Cronaca / Caso Greta Beccaglia, il molestatore si trasferisce in una località segreta: “Ora temo per mia figlia”
Cronaca / “Il regime di Al Sisi è responsabile per la morte di Giulio Regeni”, lo dice la Commissione Parlamentare
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: la grave forma della malattia raddoppierebbe il rischio di morte anche 12 mesi dopo la guarigione
Cronaca / Caso Greta Beccaglia, il molestatore si trasferisce in una località segreta: “Ora temo per mia figlia”
Cronaca / “Il regime di Al Sisi è responsabile per la morte di Giulio Regeni”, lo dice la Commissione Parlamentare
Cronaca / Von der Leyen: “È ora di discutere dell’obbligo vaccinale nell’Ue”
Cronaca / Covid, la conversione del leader veneto no vax dopo il ricovero per il virus: “Vaccinatevi tutti”
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Cronaca / Greta Beccaglia di nuovo in collegamento dopo le molestie: “Avevo bisogno di tornare alla normalità”
Cronaca / Pnrr, arrivano i primi 5,2 miliardi di euro per la scuola: ecco come saranno investiti
Cronaca / La variante Omicron minaccia il Natale: la situazione in Italia e nel mondo
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe